Rivista di formazione e di aggiornamento professionale del pediatra e del medico di base, realizzata in collaborazione con l'Associazione Culturale Pediatri

I Tascabili di Medico e Bambino

NEONATOLOGIA PER IL PEDIATRA:
caso per caso
a cura di: Francesco Risso
Editore: Medico e Bambino sas - via Santa Caterina, 3 - 34122 Trieste
Finito di stampare nel mese di settembre 2020
ISBN: ISBN 978-88-99236-08-3
Prezzo: €25

acquista ora

Questo libro, buttato giù in un batter d’occhio da Francesco Risso, con il suo contagioso entusiasmo e con l’aiuto degli specializzandi della Scuola triestina, ha tanti meriti: interesse ed esemplarità didattica dei casi, qualità e ritmo dell’esposizione, facilità e piacevolezza della lettura. Ma più di tutti ha il merito di abbattere un muro: di far capire cioè al pediatra (e perché no anche al neonatologo), attraverso la narrazione vivace e l’approfondimento puntuale di casi concretamente vissuti (con le loro peculiarità, la loro importanza clinica o semplicemente con la loro stranezza), come sia non solo possibile, ma anche facile e utile, ap- passionarsi alla Neonatologia. E come le due specialità, Pediatria e Neo- natologia (in apparenza inesorabilmente allontanatesi l’una dall’altra col crescere delle conoscenze, della diversificazione e soprattutto dello specialismo assistenziale che caratterizza i reparti di Neonatologia), siano ancora nei fatti (e sarebbe bene restassero) parte indissolubile dello stesso progetto culturale e assistenziale. Questo libro, in qualche modo unico in ambito neonatologico per fre- schezza e incisività del racconto, va dunque semplicemente letto e go- duto prima ancora che “studiato”: i casi, infatti, si tratti di Pediatria o di Neonatologia, sono semplicemente delle storie: capaci sempre, se rac- contate bene, di appassionare, coinvolgere e, inevitabilmente, insegnare. Capaci sempre, finita la lettura di un caso, di rendere impellente e irri- nunciabile la lettura di un altro. Subito! Ed è proprio così che in un battibaleno scoprirete di essere arrivati alla fine e di dispiacervi che non ci siano altri casi (altre storie) da leggere e godere.

Alessandro Ventura