Rivista di formazione e di aggiornamento professionale del pediatra e del medico di base, realizzata in collaborazione con l'Associazione Culturale Pediatri

I Tascabili di Medico e Bambino

REUMATOLOGIA PER IL PEDIATRA
Seconda edizione
a cura di Loredana Lepore
Editore: Medico e Bambino sas - via Santa Caterina, 3 - 34122 Trieste
Finito di stampare nel mese di novembre 2019
ISBN: ISBN 978-88-99236-09-0
Prezzo: € 50

acquista ora

Questa seconda edizione di Reumatologia per il pediatra (in larga parte riscritta e comunque arricchita di quattro nuovi capitoli) è senz’altro una opera unica in questo ambito specialistico così importante per la Pediatria: per la struttura enciclopedica, per la completezza e la qualità dei contributi (sempre in grande equilibrio tra quelli di giovani entusiasti e quelli di esperti di livello internazionale) e per il filo logico, di interpretazione della materia e di metodo clinico applicativo, con cui Loredana Lepore ha saputo mirabilmente cucirli insieme. Il lettore si troverà così ad avere a disposizione un vero e proprio trattato, assolutamente aggiornato e arricchito dalle novità più importanti che ci hanno travolto negli ultimi anni (utile quindi anche agli specialisti del settore) e, al contempo, un manuale pratico, in cui la materia viene spesso approfondita attraverso la discussione di casi clinici esemplificativi.
Un testo quindi facilmente utilizzabile da ognuno di noi nel lavoro quotidiano, in ospedale come in ambulatorio: per orientarsi correttamente davanti a un caso più difficile e complesso del solito, per ricordare qualcosa che avremmo dovuto già sapere, per poter avere parte attiva, assieme al consulente, nella gestione di un bambino con patologia reumatologica cronica. La seconda edizione di Reumatologia per il pediatra è anche (soprattutto?) un testo aperto: perché apre la mente non solo al piacere del sapere ma anche al ragionamento. E in questo senso offre le basi per poter comprendere e collocare al giusto posto tra le conoscenze che ognuno ha già acquisito tutte quelle novità e quelle “correzioni” che inevitabilmente non tarderanno ad arrivare. Un testo imperdibile, in altre parole. E sono sicuro che non vi pentirete di averlo voluto sul vostro scrittoio.

Alessandro Ventura