Rivista di formazione e di aggiornamento professionale del pediatra e del medico di base, realizzata in collaborazione con l'Associazione Culturale Pediatri

M&B Pagine Elettroniche

I Poster degli specializzandi

Reattività autoanticorpale ed epatite acuta da CMV
Maria Elisa Di Cicco, Francesca Moscuzza, Gloria Rossi, Silvia Ghione, Marta Segreto, Giulia Marsalli, Giuseppe Maggiore
Divisione di Pediatria 2, Dipartimento di Medicina della Procreazione e della Età Evolutiva, Università di Pisa
Indirizzo per corrispondenza: melisa.dicicco@gmail.com


Un elevato titolo di autoanticorpi in presenza di evidenza di laboratorio di danno epatico è suggestivo di una malattia autoimmune del fegato. Un’analisi retrospettiva nel database dell’ambulatorio di Epatologia della Clinica Pediatrica di Pisa ha permesso di identificare 9 casi di epatite acuta da virus epatotropi “minori”: 6 da CMV e 3 da EBV. Una positività autoanticorpale a titolo significativo è stata riscontrata in 2 dei 6 casi di epatite acuta da CMV: si tratta di due casi asintomatici in cui il riscontro dell’aumento delle aminotransferasi è stato occasionale. Nel primo caso (maschio di 8 anni con epatomegalia omogenea di consistenza aumentata e polo splenico palpabile) si è trattato di una positività coarse speckled a titolo elevato di ANA (1:640) associata a positività degli anticorpi antimitocondrio (AMA) (IFI 1:320 e Immunoblotting +++). Nel secondo caso (femmina di 5 anni e 3 mesi con esame clinico normale) si è trattato di una positività per ASMA 1:80 ed ANA speckled 1:320. In entrambi i casi la viremia CMV era assente al momento della diagnosi. La positività autoanticorpale si è risolta spontaneamente in circa 10 mesi nel primo caso e in 2 mesi nel secondo e si è associata a una guarigione clinica e a una scomparsa dell’evidenza bioumorale di epatocitolisi.
In conclusione di fronte a una epatocitolisi asintomatica, la presenza di elevati titoli di autoanticorpi comunemente associati alle malattie autoimmuni del fegato quali ANA e SMA o anche di autoanticorpi meno convenzionali (AMA), più comunemente associati alle malattie autoimmuni dell’adulto, non è obbligatoriamente suggestiva, come suggerito dai protocolli diagnostici internazioni per la diagnosi di epatite autoimmune dell’adulto, di una patologia autoimmune del fegato. Tale riscontro deve comunque far ricercare un’etiologia infettiva da virus epatotropi minori e in particolare da CMV. Tale condizione è spesso asintomatica nel paziente immunocompetente e si risolve spontaneamente.

Vuoi citare questo contributo?

M.E. Di Cicco, F. Moscuzza, G. Rossi, S. Ghione, M. Segreto, G. Marsalli, G. Maggiore Reattività autoanticorpale ed epatite acuta da CMV. Medico e Bambino pagine elettroniche 2013;16(6) https://www.medicoebambino.com/?id=PSR1306_20.html

Copyright © 2019 - 2019 Medico e Bambino - Via S.Caterina 3 34122 Trieste - Partita IVA 00937070324
redazione: redazione@medicoebambino.com, tel: 040 3728911 fax: 040 7606590
abbonamenti: abbonamenti@medicoebambino.com, tel: 040 3726126

La riproduzione senza autorizzazione è vietata. Le informazioni di tipo sanitario contenute in questo sito Web sono rivolte a personale medico specializzato e non possono in alcun modo intendersi come riferite al singolo e sostitutive dell'atto medico. Per i casi personali si invita sempre a consultare il proprio medico curante. I contenuti di queste pagine sono soggetti a verifica continua; tuttavia sono sempre possibili errori e/o omissioni. Medico e Bambino non è responsabile degli effetti derivanti dall'uso di queste informazioni.

Unauthorised copies are strictly forbidden. The medical information contained in the present web site is only addressed to specialized medical staff and cannot substitute any medical action. For personal cases we invite to consult one's GP. The contents of the pages are subject to continuous verifications; anyhow mistakes and/or omissions are always possible. Medico e Bambino is not liable for the effects deriving from an improper use of the information.