Rivista di formazione e di aggiornamento professionale del pediatra e del medico di base, realizzata in collaborazione con l'Associazione Culturale Pediatri

M&B Pagine Elettroniche

Avanzi

Novità, riflessioni, contributi e proposte,
a cura di Giorgio Bartolozzi
L'antitrombina III ad alte dosi nella sepsi grave
Ormai sappiamo con sicurezza che in corso di sepsi grave e di shock settico si verifica un'attivazione della coagulazione e un consumo eccessivo di anticoagulanti endogeni, per cui si assiste alla formazione di microtrombi in tutto l'organismo, responsabili delle manifestazioni emorragiche cutanee, della disfunzione d'organo e dell'elevata letalità. Per noi pediatri la malattia paradigmatica di questa situazione è la sepsi meningococcica. L'antitrombina III potrebbe fornire protezione dall'insufficienza multiorgano e aumentare la sopravvivenza nei pazienti gravemente ammalati.
Per controllare se l'antitrombina III ad alte dosi, somministrata entro 6 ore dall'inizio della malattia, fornisce vantaggi in questi pazienti, è stato condotto uno studio multicentrico, in doppio cieco, controllato contro placebo in 2.314 pazienti con sepsi grave, di cui 1.157 trattati e altrettanti non trattati (Warren B.L. et al., JAMA 2001, 286:1869-78).
E' risultato che l'antitrombina III ad alte dosi non ha alcun effetto sulla mortalità entro 28 giorni dall'inizio della malattia, in pazienti adulti con sepsi grave e shock settico, anche quando somministrata entro 6 ore dall'inizio. Anzi il suo uso è associato a un aumentato rischio di emorragia, quando somministrata in associazione all'eparina. Un qualche beneficio nell'uso dell'antitrombina III è risultato evidente in pazienti che insieme non ricevevano eparina.

Aumentato uso dei macrolidi e resistenza dello Streptococcus pneumoniae
Gli antibiotici macrolidi (eritromicina, claritromicina, azitromicina e altri) sono molto usati nel trattamento empirico della polmonite. Per studiare l'epidemiologia degli pneumococchi resistenti in USA, è stato condotto uno studio su 15.481 isolamenti da malati con infezioni invasive (Hyde T.B. et al., JAMA 2001, 286:1857-62).
Il consumo di macrolidi fra il 1993 e il 1999 è aumentato in USA del 13%, ma fra i bambini al di sotto dei 5 anni esso ha avuto un incremento del 320%; nel frattempo la resistenza è aumentata dal 10,6% del 1995 al 20,4% del 1999. I ceppi più resistenti hanno presentato una MIC che corrisponde a quella incontrata nei casi che non avevano risposto al trattamento.
Da ricordare che in Italia la resistenza ai macrolidi di un altro agente infettivo, lo streptococco gruppo A, ha raggiunto e superato il 40% in alcune aree. E' una volta di più un richiamo all'uso mirato e selettivo degli antibiotici nelle infezioni, soprattutto del bambino, prima che il problema della resistenza non arrivi a rappresentare un'evenienza allarmante.

La mutazione Leiden del fattore V costituisce un vantaggio genetico per l'impianto dell'embrione
La mutazione Leiden del fattore V della coagulazione è presente nel 6% della popolazione bianca: essa rappresenta il più comune fattore di rischio per la trombosi venosa. Lo studio genetico suggerisce che la mutazione sia insorta 21-34.000 anni fa. Quale può essere l'effetto positivo di questa mutazione nella selezione naturale ? E' stato visto, in studi sulla fertilizzazione intracitoplasmatica in vitro, che nel 90% dei casi l'impianto di un embrione Leiden positivo era seguito da successo, contro il 49% per gli embrioni fattore Leyden negativi (Göpel W. Et al., Lancet 2001, 358:1238-9). Si può concludere che il vantaggio genetico della mutazione Leyden risiede nel miglioramento nella possibilità d'impianto dell'embrione.

La resistenza dell'Escherichia coli al cotrimossazolo
Il trattamento delle infezioni delle vie urinarie (IVU) è reso difficile in questi ultimi anni dalla comparsa di ceppi antibiotico-resistenti di E. coli. Il 25% di 255 ceppi isolati da donne con IVU sono risultati resistenti al trimetoprim-sulfametossazolo e ad altri agenti antibatterici (Manges AR et al. N Engl J Med 2001, 345:1007-13). Tutti i ceppi appartevano allo stesso gruppo clonale, pur essendo stati isolati in 3 comunità, geograficamente diverse. E' molto probabile che la comparsa di questi batteri resistenti sia collegata alla crescente pressione selettiva, operata dagli antibiotici.

La comparsa del diabete tipo 1 non dipende dall'azione dei linfociti B
A volte un caso singolo è sufficiente per gettare un nuova luce su alcuni problemi patogenetico. Oggi si ritiene che nella patogenesi del diabete tipo 1 sia fondamentale la distruzione immuno-mediata delle cellule b delle isole pancreatiche, a opera principalmente delle cellule T, insieme probabilmente alle cellule B e agli autoanticorpi. La comparsa di un diabete mellito tipo 1 in un soggetto portatore di agammaglobulinemia legata all'X obbliga a rivedere questa impostazione (Martin S. et al., N Engl J Med 2001, 345:1036-40): questo caso dimostra in modo evidente che le cellule B e gli autoanticorpi non sono necessari per lo sviluppo del diabete tipo 1 e può spiegare perché le immunoterapia dirette contro le cellule B o gli autoanticorpi possono fallire nella prevenzione della distruzione delle cellule b nei pazienti a rischio.

Vuoi citare questo contributo?

G. Bartolozzi Aumentato uso dei macrolidi e resistenza dello Streptococcus pneumoniae
La mutazione Leiden del fattore V costituisce un vantaggio genetico per l'impianto dell'embrione
La resistenza dell'Escherichia coli al cotrimossazolo
La comparsa del diabete tipo 1 non dipende dall'azione dei linfociti B'>L'antitrombina III ad alte dosi nella sepsi grave
Aumentato uso dei macrolidi e resistenza dello Streptococcus pneumoniae
La mutazione Leiden del fattore V costituisce un vantaggio genetico per l'impianto dell'embrione
La resistenza dell'Escherichia coli al cotrimossazolo
La comparsa del diabete tipo 1 non dipende dall'azione dei linfociti B. Medico e Bambino pagine elettroniche 2001;4(9) https://www.medicoebambino.com/?id=AV0109_10.html

Copyright © 2019 - 2019 Medico e Bambino - Via S.Caterina 3 34122 Trieste - Partita IVA 00937070324
redazione: redazione@medicoebambino.com, tel: 040 3728911 fax: 040 7606590
abbonamenti: abbonamenti@medicoebambino.com, tel: 040 3726126

La riproduzione senza autorizzazione è vietata. Le informazioni di tipo sanitario contenute in questo sito Web sono rivolte a personale medico specializzato e non possono in alcun modo intendersi come riferite al singolo e sostitutive dell'atto medico. Per i casi personali si invita sempre a consultare il proprio medico curante. I contenuti di queste pagine sono soggetti a verifica continua; tuttavia sono sempre possibili errori e/o omissioni. Medico e Bambino non è responsabile degli effetti derivanti dall'uso di queste informazioni.

Unauthorised copies are strictly forbidden. The medical information contained in the present web site is only addressed to specialized medical staff and cannot substitute any medical action. For personal cases we invite to consult one's GP. The contents of the pages are subject to continuous verifications; anyhow mistakes and/or omissions are always possible. Medico e Bambino is not liable for the effects deriving from an improper use of the information.