Rivista di formazione e di aggiornamento professionale del pediatra e del medico di base, realizzata in collaborazione con l'Associazione Culturale Pediatri

M&B Pagine Elettroniche

Appunti di Terapia

Rischio dermatologico dopo trattamento con antiepilettici
G. Bartolozzi
Dipartimento di Pediatria, Università di Firenze

I farmaci antiepilettici si associano di frequente con gravi reazioni a carico della cute, sia tipo Sindrome di Stevens-Johnson (SJS) che tipo Necrolisi epidermica tossica o Sindrome di Lyell (TEN). Ambedue queste malattie sono caratterizzate da febbre elevata, condizioni generali gravi, da esantema vescicolo-bolloso, sviluppantesi rapidamente, e da lesioni bersaglio, soprattutto a carico delle mucose. Il segno distintivo di queste manifestazioni è rappresentato da un anello eritematoso, sormontato talvolta da una vescicola, o da una bolla (quando il diametro sia superiore ai 10 mm). Nella TEN spesso è interessato più del 10% della superficie cutanea. La guarigione di una singola lesione richiede in generale una settimana, ma le lesioni cutanee possono continuare a comparire anche per 2-3 settimane. 
Fortunatamente si tratta di malattie rare, con una stima approssimativa di 1-2 casi per milione di abitanti. Fino a oggi nella letteratura vengono riscontrate pubblicazioni che descrivono casi singoli o un piccolo numero di casi, per cui rimane difficile la quantificazione del rischio.
Il Gruppo di Studio internazionale (di cui fa parte il dottor L. Naldi e il dottor F. Locati del Dipartimento di Dermatologia dell'Università di Milano, Ospedali Riuniti di Bergamo) ha già pubblicato i risultati ottenuti dallo studio delle reazioni gravi in seguito alla somministrazione di farmaci diversi, antiepilettici inclusi (N Engl J Med 333, 1600-7, 1995). Lo stesso Gruppo ha pubblicato del tutto di recente i rapporti fra gravi manifestazioni cutanee (SIS e TEN) e somministrazione di farmaci antiepilettici (Lancet 353, 2190-4, 1999).

Su un totale di 352 SIS + TEN ben 73 (21%) riguardavano soggetti trattati con farmaci antiepilettici, mentre nei 1.579 controlli solo 28 (2%) assumevano farmaci di questo tipo.
Dei 73 soggetti con SIS e TEN:
- 36 assumevano fenobarbital
- 14 fenitoina
- 21 carbamazepina
- 13 acido valproico (la valutazione è resa confondente dalla contemporanea somministrazione di altre sostanze)
- 3 lamotrigina

Il rischio di presentare reazioni cutanee gravi fu più alto nelle 8 settimane successive all'inizio del trattamento.
L'età dei 73 pazienti era così distribuita:
- 16 (22%) da 0 a 24 anni
- 29 (39%) da 25 a 49 anni
- 28 (39%) 50 anni o più.

Viene concluso che la fenitoina, la carbamazepina, il fenobarbital e la lamotrigina aumentano il rischio di SUIS e TEM.


Vuoi citare questo contributo?

G. Bartolozzi Rischio dermatologico dopo trattamento con antiepilettici. Medico e Bambino pagine elettroniche 1999;2(9) https://www.medicoebambino.com/?id=AP9909_20.html

Copyright © 2019 - 2019 Medico e Bambino - Via S.Caterina 3 34122 Trieste - Partita IVA 00937070324
redazione: redazione@medicoebambino.com, tel: 040 3728911 fax: 040 7606590
abbonamenti: abbonamenti@medicoebambino.com, tel: 040 3726126

La riproduzione senza autorizzazione è vietata. Le informazioni di tipo sanitario contenute in questo sito Web sono rivolte a personale medico specializzato e non possono in alcun modo intendersi come riferite al singolo e sostitutive dell'atto medico. Per i casi personali si invita sempre a consultare il proprio medico curante. I contenuti di queste pagine sono soggetti a verifica continua; tuttavia sono sempre possibili errori e/o omissioni. Medico e Bambino non è responsabile degli effetti derivanti dall'uso di queste informazioni.

Unauthorised copies are strictly forbidden. The medical information contained in the present web site is only addressed to specialized medical staff and cannot substitute any medical action. For personal cases we invite to consult one's GP. The contents of the pages are subject to continuous verifications; anyhow mistakes and/or omissions are always possible. Medico e Bambino is not liable for the effects deriving from an improper use of the information.