Rivista di formazione e di aggiornamento professionale del pediatra e del medico di base, realizzata in collaborazione con l'Associazione Culturale Pediatri

M&B Pagine Elettroniche

Appunti di Terapia

Insufficienza dell'acetazolamide e della furosemide nel trattamento della dilatazione postemorragica ventricolare del prematuro
G. Bartolozzi
Indirizzo per corrispondenza:bartolozzi@unifi.it

La dilatazione, lenta e progressiva dei ventricoli cerebrali avviene in circa il 35% di tutti i lattanti, che hanno sofferto di un'emorragia intraventricolare (EIV). Di questi bambini circa il 15% richiede successivamente un intervento per l'inserzione di un'anastomosi per controllare l'aumento della pressione endocranica. La necessità d'inserire un'anastomosi fra i ventricoli cerebrali e il peritoneo si è verificata fra il 1991 e il 1994 nel 13,7 per mille neonati, che avevano visto la luce prima della 32° settimana (di peso inferiore a 1.700 g). Le gravi emorragie intraventricolari e la leucomalacia periventricolare rappresentano i fattori principali delle lesioni cerebrali nel pretermine: esse sono le responsabili dell'insufficiente neurosviluppo successivo. La prevenzione e il trattamento della dilazione postemorragica dei ventricoli deve essere considerata quindi di grande importanza.
Il trattamento chirurgico delle forme con aumentata pressione, con l'inserzione di un'anastomosi ventricolo-peritoneale, è risultata efficace, ma presenta numerose complicazioni, delle quali le più importanti sono il blocco dell'anastomosi e l'infezione, la cui comparsa può avvenire anche a distanza di tempo dall'intervento, per cui rappresentano un pericolo che dura tutta la vita. In qualche caso è stata usata la ventricolostomia endoscopica del terzo ventricolo, ma è difficile che essa rappresenti una forma efficace di trattamento, perché nella maggior parte dei casi si tratta di un idrocefalo comunicante.
La furosemide e l'acetazolamide sono usate largamente nel trattamento della dilatazione ventricolare, allo scopo di evitare la necessità di passare all'intervento neuro-chirurgico, ma per questi farmaci non esiste ancora una prova controllata. Nella ricerca che andiamo esponendo, attuata nel Regno Unito, è stata eseguita una prova multicentrica, randomizzata e controllata per dimostrare l'ipotesi che questi farmaci riducano l'incidenza dell'anastomosi, della morte o l'aumento della sopravvivenza a 1 anno senza alterazioni neurologiche (Kennedy CR et al., Pediatrics 108 :597-607, 2001-11-28).
Fra il 1992 e il 1996, 177 lattanti di meno di 3 mesi di età, che avevano un ampiezza ventricolare superiore a 4 mm oltre il 97° centile, successiva a emorragia intraventricolare, furono assegnati a caso o alla terapia standard o alla terapia standard più acetazolamide (100 mg/kg/die) e furosemide (1 mg/kg/die). I neonati che sono entrati nella prova avevano un'età gestazionale media di 28,6 settimane (con un peso intorno a 1.200 g) e un'età postatale media di 3,6 settimane. Il 44% aveva una lesione parenchimali cerebrale all'ECO. La morte o l'applicazione di un'anastomosi liquorale avvenne in 56 degli 88 lattanti che ricevettero i due farmaci, in confronto a 46 sugli 88 che vennero trattati con la semplice terapia standard. Nell'81% dei soggetti trattati con i farmaci, a distanza di 1 anno, venne riscontrato una sofferenza dello sviluppo del sistema neuromotore, contro il 66% di quelli che furono trattati con la terapia standard.
Questi risultati suggeriscono che l'uso della acetazolamide e della furosemide nei pretermine con dilatazione ventricolare postemorragica è inefficace nel ridurre la percentuale di soggetti che necessitarono di un intervento di neurochirurgia (shunt ventricolo-peritoneale) e risultò associata a un aumento della morbilità neurologica. Viene concluso che questo trattamento non può essere consigliato.

Vuoi citare questo contributo?

G. Bartolozzi Insufficienza dell'acetazolamide e della furosemide nel trattamento della dilatazione postemorragica ventricolare del prematuro. Medico e Bambino pagine elettroniche 2001;4(10) https://www.medicoebambino.com/?id=AP0110_30.html
L'immissione di nuovi contenuti è riservata ai soli utenti registrati

Copyright © 2019 - 2019 Medico e Bambino - Via S.Caterina 3 34122 Trieste - Partita IVA 00937070324
redazione: redazione@medicoebambino.com, tel: 040 3728911 fax: 040 7606590
abbonamenti: abbonamenti@medicoebambino.com, tel: 040 3726126

La riproduzione senza autorizzazione è vietata. Le informazioni di tipo sanitario contenute in questo sito Web sono rivolte a personale medico specializzato e non possono in alcun modo intendersi come riferite al singolo e sostitutive dell'atto medico. Per i casi personali si invita sempre a consultare il proprio medico curante. I contenuti di queste pagine sono soggetti a verifica continua; tuttavia sono sempre possibili errori e/o omissioni. Medico e Bambino non è responsabile degli effetti derivanti dall'uso di queste informazioni.

Unauthorised copies are strictly forbidden. The medical information contained in the present web site is only addressed to specialized medical staff and cannot substitute any medical action. For personal cases we invite to consult one's GP. The contents of the pages are subject to continuous verifications; anyhow mistakes and/or omissions are always possible. Medico e Bambino is not liable for the effects deriving from an improper use of the information.