MeB Pagine Elettroniche
a cura della redazione di MeB Pagine Elettroniche
Volume XXI
Ottobre 2018
numero 8
I POSTER DEGLI SPECIALIZZANDI


Aorta bicuspide e ipertensione: un binomio, una soluzione
Valentina Moressa, Giulia Gortani
Scuola di Specializzazione in Pediatria, IRCCS Materno Infantile “Burlo Garofolo”, Università di Trieste
Indirizzo per corrispondenza: valemorex@gmail.com


Un ragazzo di 14 anni, da poco arrivato in Italia dalla Repubblica Dominicana, giunge alla nostra attenzione per via di un dolore toracico insorto acutamente, associato a cefalea e cardiopalmo.
In anamnesi da circa sei mesi presenta degli episodi ricorrenti di cardiopalmo, talvolta associati a cefalea. Non è la prima volta che viene in Italia, era già stato qui nel 2013, e in tale occasione aveva eseguito una visita sportiva che aveva rilevato la presenza di una valvola aortica biscuspide. La pressione arteriosa (PA) era ai limiti alti della norma per età e altezza ma non erano stati fatti altri approfondimenti in proposito (130/80 mmHg). Da allora aveva limitato l’attività sportiva.
All’arrivo in Pronto Soccorso il ragazzo presenta una PA di 159/114 mmHg (> 99° percentile), all’auscultazione cardiaca un soffio sistolico 2/6 irradiato alla schiena con polsi femorali, tibiali e pedidei marcatamente iposfigmici. Viene rilevata la PA dei 4 arti che mostra valori pressori degli arti inferiori più bassi rispetto a quelli degli arti superiori, reperto che insieme alla clinica e alla storia del ragazzo è altamente suggestivo di coartazione aortica. Esegue un elettrocardiogramma che mostra segni di sovraccarico con ingrandimento atriale sinistro. L’ecocardiografia conferma il reperto di coartazione aortica a livello post-istmico con evidente restringimento del calibro del vaso e accelerazione al colorDoppler.

La coartazione aortica rappresenta circa il 5-6% di tutte le malformazioni vascolari congenite e si associa a circa il 30% delle aorte bicuspidi. Si tratta di un restringimento del vaso, tipicamente a livello istmico o in sua prossimità, che comporta un’ostruzione al deflusso del sangue sistemico e un sovraccarico di pressione nel ventricolo sinistro e nel distretto arterioso prossimale. La diagnosi può essere tardiva, come nel caso descritto, se la stenosi non è serrata e viene posta in seguito ai sintomi legati all’ipertensione arteriosa che comporta.
A ben guardare il ragazzo si rende evidente una lieve sproporzione corporea con parte superiore del corpo (torace, spalle, arti superiori e collo) più sviluppata rispetto alla porzione inferiore (bacino e arti inferiori), dovuta all’alterata distribuzione del flusso.
In regime di ricovero abbiamo escluso che presentasse già le complicanze dell’ipertensione arteriosa che verosimilmente presenta da tempo (non segni di retinopatia o nefropatia) e avviato terapia antipertensiva con un beta-bloccante che attualmente assume con controllo dei valori pressori.
Dovrà eseguire un inquadramento diagnostico tramite angio-RM per meglio definire la natura della coartazione e programmare un’eventuale correzione chirurgica.



Vuoi citare questo contributo?
V. Moressa, G. Gortani. AORTA BICUSPIDE E IPERTENSIONE: UN BINOMIO, UNA SOLUZIONE. Medico e Bambino pagine elettroniche 2018; 21(8) https://www.medicoebambino.com/?id=PSR1808_10.html




La riproduzione senza autorizzazione è vietata. Le informazioni di tipo sanitario contenute in questo sito Web sono rivolte a personale medico specializzato e non possono in alcun modo intendersi come riferite al singolo e sostitutive dell'atto medico. Per i casi personali si invita sempre a consultare il proprio medico curante. I contenuti di queste pagine sono soggetti a verifica continua; tuttavia sono sempre possibili errori e/o omissioni. Medico e Bambino non è responsabile degli effetti derivanti dall'uso di queste informazioni.

Unauthorised copies are strictly forbidden. The medical information contained in the present web site is only addressed to specialized medical staff and cannot substitute any medical action. For personal cases we invite to consult one's GP. The contents of the pages are subject to continuous verifications; anyhow mistakes and/or omissions are always possible. Medico e Bambino is not liable for the effects deriving from an improper use of the information.