MeB Pagine Elettroniche
a cura della redazione di MeB Pagine Elettroniche
Volume XXII
Luglio 2019
numero 7
PRESENTAZIONI PPT




OTORINOLARINGOIATRIA


Un’otite… ballerina

Francesca Cossovel, Sarah Contorno
IRCCS Materno-Infantile “Burlo Garofolo”, Scuola di Specializzazione in Pediatria, Università di Trieste


Indirizzo per corrispondenza: 
francesca.cossovel@gmail.com


Arianna, due anni e tre mesi, giunge in Pronto Soccorso per un quadro caratterizzato da vomiti ripetuti, feci sfatte e ipoalimentazione. Due settimane prima, Arianna aveva avuto un’otite media destra, trattata con amoxicillina per sette giorni, quindi, per rifebbramento e otalgia destra a quattro giorni dalla sospensione dell’antibiotico, veniva riavviata terapia antibiotica con amoxi-clavulanato. All’arrivo in Pronto Soccorso, nel sospetto di una gastroenterite virale, viene somministrato un antiemetico, con iniziale risoluzione della sintomatologia, che si ripresenta però dopo 48 ore: ricompaiono i vomiti e Arianna ritorna soporosa e abbattuta, con sbandamento della marcia a destra. Nel sospetto di una complicanza endocranica infettiva dell’otite media viene pertanto avviata terapia antibiotica con ceftriaxone e si esegue un fundus oculi, che mostra un papilledema bilaterale, indice indiretto di ipertensione endocranica. La TC encefalo con mezzo di contrasto evidenzia una trombosi venosa dei seni sigmoideo e trasverso, secondaria a otomastoidite destra. Viene quindi eseguito intervento di mastoidectomia con posizionamento di drenaggio timpanico, avviata terapia anticoagulante con eparina a basso peso molecolare e proseguita terapia antibiotica iniettiva per un totale di 14 giorni, con risoluzione del quadro clinico.
La trombosi dei seni venosi cerebrali è una complicanza rara ma grave dell’otite media acuta, con una mortalità del 5-10% anche in terapia antibiotica adeguata. La presentazione clinica con febbre, irritabilità e sonnolenza è piuttosto frequente e può accompagnarsi a correlati neurologici, come nel nostro caso, quali cefalea, paralisi dei nervi cranici, papilledema, vomito e instabilità della marcia. La TC con mdc evidenzia la trombosi venosa e la mastoidite, indice dell’origine otica della trombosi. La terapia prevede la combinazione di antibiotici, chirurgia e anticoagulazione a lungo termine.
La comparsa di una sintomatologia neurologica acuta, dopo una storia di otite media, deve sempre far sospettare una complicanza intracranica dell’otite e impone un approfondimento diagnostico.


PPT
Scarica la presentazione





Vuoi citare questo contributo?
F. Cossovel, S. Contorno. UN’OTITE… BALLERINA. Medico e Bambino pagine elettroniche 2019; 22(7) https://www.medicoebambino.com/?id=PPT1907_610.html




La riproduzione senza autorizzazione è vietata. Le informazioni di tipo sanitario contenute in questo sito Web sono rivolte a personale medico specializzato e non possono in alcun modo intendersi come riferite al singolo e sostitutive dell'atto medico. Per i casi personali si invita sempre a consultare il proprio medico curante. I contenuti di queste pagine sono soggetti a verifica continua; tuttavia sono sempre possibili errori e/o omissioni. Medico e Bambino non è responsabile degli effetti derivanti dall'uso di queste informazioni.

Unauthorised copies are strictly forbidden. The medical information contained in the present web site is only addressed to specialized medical staff and cannot substitute any medical action. For personal cases we invite to consult one's GP. The contents of the pages are subject to continuous verifications; anyhow mistakes and/or omissions are always possible. Medico e Bambino is not liable for the effects deriving from an improper use of the information.