Rivista di formazione e di aggiornamento professionale del pediatra e del medico di base, realizzata in collaborazione con l'Associazione Culturale Pediatri

M&B Pagine Elettroniche

Presentazioni PPT



NEFRO-UROLOGIA


Ipertensione arteriosa severa: che sorpresa!

P. Assandro1, H. Chehade2, J.B. Armengaudm1, U. Simeoni3
1Centre Hospitalier Universitaire Vaudois (CHUV), Lausanne
2Néphrologie Pédiatrique; 3Service Pédiatrie, CHUV, Lausanne


Indirizzo per corrispondenza: 
paola.assandro@gmail.com


Annalisa, 15 mesi, nata a termine da parto spontaneo, perinatalità nella norma, vaccinata e in buona salute abituale. Ventiquattro ore dopo un trauma cranico semplice viene portata in pronto soccorso per tumefazione in sede fronto-palpebrale sinistra. L’anamnesi personale e familiare è muta. La paziente è in buone condizioni generali, l’esame obiettivo completo è nella norma, fatta eccezione per un ematoma in sede fronto-palpebrale sinistra e un’ipertensione severa a 200/98 mmHg in assenza di soffi cardiaci, bradi/tachicardia né alterazione del GCS. La TC cerebrale nega sanguinamenti, masse o segni di ipertensione intracranica, ma evidenzia una frattura della parete posteriore dell’orbita sinistra (non sufficiente per spiegare l’ipertensione). La radiografia del torace non mostra cardiomegalia e il fundus oculi è normale. L’ECG e l’ecocardiogramma invece evidenziano un quadro di ipertrofia cardiaca instauratasi probabilmente 4-5 mesi prima. Si eseguono numerose indagini che escludono una tireopatia, un ipersurrenalismo e un iperaldosteronismo primario, un feocromocitoma/neuroblastoma, una coartazione aortica, una vasculite immunomediata. La funzione renale e lo spot urinario sono nella norma, ma l’ecografia addominale evidenzia un’asimmetria renale con un doppler normale. L’angio-risonanza conferma un’ipotrofia del rene destro (D: 50 mm, S: 72 mm) e anormale differenziazione cortico-midollare. L’assenza di anomalie della perfusione esclude una fibrodisplasia, un aneurisma e una trombosi. La scintigrafia mostra un’ipoplasia renale destra severa compatibili con due cause: sequele da reflusso uretero-vescicale o una displasia renale congenita. La CUM è regolare. La causa di tale ipertensione è dunque un iperaldosteronismo secondario su ipoplasia renale unilaterale congenita. Gli esami genetici sono in corso. Annalisa è rimasta ricoverata per 2 settimane a causa di molteplici difficoltà nel controllo della pressiorio, refrattario al trattamento. Attualmente è seguita dal Centro universitario di Nefrologia pediatrica e, nonostante l’assunzione di 3 antipertensivi (labetalolo, clonidina e di-idralazina), presenta ancora dei picchi ipertensivi. L’ecografia cardiaca a distanza di 2 mesi non evidenza segni di regressione dell’ipertrofia cardiaca e qualora non fosse possibile un controllo farmacologico adeguato dell’ipertensione, si prenderà in considerazione l’asportazione chirurgica del rene ipoplasico.


PPT
Scarica la presentazione





Vuoi citare questo contributo?

P. Assandro, H. Chehade, J.B. Armengaudm, U. Simeoni Ipertensione arteriosa severa: che sorpresa!. Medico e Bambino pagine elettroniche 2019;22(26) https://www.medicoebambino.com/?id=PPT1907_440.html