MeB Pagine Elettroniche
a cura della redazione di MeB Pagine Elettroniche
Volume XXII
Luglio 2019
numero 7
PRESENTAZIONI PPT




MALATTIE RARE E SINDROMOLOGIA


Un vomitatore carnivoro

Sarah Contorno
IRCCS Materno-Infantile “Burlo Garofolo”, Scuola di Specializzazione in Pediatria, Università di Trieste


Indirizzo per corrispondenza: 
saracontorno@gmail.com


Diego, 5 anni, giunge alla nostra attenzione per un inquadramento diagnostico a un mese di distanza da episodi di vomiti ripetuti, senza febbre né diarrea, con concomitante ipoglicemia (21 mg/dl) che si correggeva dopo somministrazione di glucosio, senza chetonuria. Gli esami ematici eseguiti durante gli episodi mostravano delle transaminasi lievemente aumentate (AST 48 UI/l, ALT 42 UI/l) e un’ipercolesterolemia (colesterolo totale 213 mg/dl) con trigliceridi nella norma. L’ecografia addominale mostrava un’epatomegalia steatosica. Dall’anamnesi emerge che Diego, dall’età di un anno e mezzo, ha avuto complessivamente tre episodi caratterizzati da perdita di coscienza, senza febbre né tremori, risoltisi in pochi minuti dopo fleboclisi di soluzione glucosata. I genitori, inoltre, ci riferiscono che Diego vomitava spesso dopo l’assunzione degli sciroppi, l’ultima volta dopo aver preso l’amoxicillina per un’otite media.
Chiediamo quindi cosa mangia solitamente Diego e la mamma ci risponde che sin da piccolo il bambino ha sempre rifiutato frutta, verdura e cibi zuccherati, prediligendo pasta e carne, confermando così il nostro sospetto diagnostico, che ci porta a chiedere il dosaggio della transferrina desialata sierica, che risulta aumentato (5,9%, con valore normale < 2%), confermando la diagnosi di “intolleranza ereditaria al fruttosio”, che viene poi anche confermata geneticamente, col riscontro della mutazione del gene ALDOB.
L’intolleranza ereditaria al fruttosio è una patologia a trasmissione autosomica recessiva causata dalla mutazione del gene che codifica per l’enzima aldolasi B, che ha il compito di degradare il fruttosio-1-fosfato. La carenza dell’enzima comporta un accumulo del fruttosio-1-fosfato, metabolita tossico soprattutto per il fegato e i reni. L’esordio di tale condizione si verifica generalmente al momento dello svezzamento, quando il fruttosio viene aggiunto alla dieta, ed è caratterizzata da ipoglicemia, acidosi lattica, chetosi, vomito ricorrente, dolore addominale e sintomi sistemici, dopo assunzione di cibi contenenti fruttosio. L'ingestione protratta di fruttosio e di zuccheri correlati (come il saccarosio e il sorbitolo) può causare ritardo della crescita, epatomegalia, disfunzione tubulare prossimale, fino a insufficienza epatica e renale. Caratteristico di tale condizione è il rifiuto di cibi dolci e frutta che sviluppano i pazienti affetti, che può provocare in alcuni casi un ritardo diagnostico. La diagnosi differenziale si pone con la stenosi pilorica, la galattosemia, la tirosinemia, la glicogenosi, il deficit di transcarbamilasi e la malattia di Wilson. La terapia si basa sull’eliminazione del fruttosio, del saccarosio e del sorbitolo dalla dieta e sulla supplementazione vitaminica.


PPT
Scarica la presentazione





Vuoi citare questo contributo?
S. Contorno. UN VOMITATORE CARNIVORO. Medico e Bambino pagine elettroniche 2019; 22(7) https://www.medicoebambino.com/?id=PPT1907_370.html




La riproduzione senza autorizzazione è vietata. Le informazioni di tipo sanitario contenute in questo sito Web sono rivolte a personale medico specializzato e non possono in alcun modo intendersi come riferite al singolo e sostitutive dell'atto medico. Per i casi personali si invita sempre a consultare il proprio medico curante. I contenuti di queste pagine sono soggetti a verifica continua; tuttavia sono sempre possibili errori e/o omissioni. Medico e Bambino non è responsabile degli effetti derivanti dall'uso di queste informazioni.

Unauthorised copies are strictly forbidden. The medical information contained in the present web site is only addressed to specialized medical staff and cannot substitute any medical action. For personal cases we invite to consult one's GP. The contents of the pages are subject to continuous verifications; anyhow mistakes and/or omissions are always possible. Medico e Bambino is not liable for the effects deriving from an improper use of the information.