MeB Pagine Elettroniche
a cura della redazione di MeB Pagine Elettroniche
Volume XXII
Luglio 2019
numero 7
PRESENTAZIONI PPT


BRONCOPNEUMOLOGIA


Quando la tosse è diagnostica

Elisabetta Maria Bellino, Maria Elisa Di Cicco, Giulia Nuzzi, Giorgio Costagliola, Diego Peroni
Pneumologia, UO di Pediatria, Università di Pisa

Indirizzo per corrispondenza: elisabettabellino@libero.it


A., 3 mesi, giunge alla nostra attenzione per la comparsa, dopo un accesso di tosse, di un episodio di apnea, seguito da ipertono assiale e fissità dello sguardo, della durata di pochi secondi, a risoluzione spontanea. Anamnesi patologica remota silente. All'esame obiettivo appariva in buone condizioni generali, apiretica, con quadro neurologico nella norma. Sul piano respiratorio mostrava segni di moderata rinite catarrale (insorta da 7 giorni) associata a sporadici crepitii diffusi sui campi polmonari.
A. è stata ricoverata per accertamenti relativi a un sospetto episodio critico e per osservazione dell’evoluzione del quadro respiratorio. Gli esami ematochimici mostravano una modesta leucocitosi con linfocitosi (13.340/mmc, L 65%), indici di flogosi negativi e piastrinosi (PLT 742.00/mmc); ECG ed ecocardiografia nella norma. Durante i primi giorni di degenza A. ha mostrato una progressiva riduzione della rinite e una rapida scomparsa del reperto toracico, ma anche l’insorgenza di numerosi accessi di tosse catarrale, con durata e frequenza ingravescenti, spesso seguiti da vomito. Considerata la copertura vaccinale incompleta (la bambina aveva effettuato soltanto la prima dose di vaccino esavalente e la madre non aveva effettuato il richiamo dTpa in gravidanza) e il forte sospetto clinico, è stato eseguito un tampone faringeo per la ricerca del genoma di Bordetella pertussis, risultato positivo. È stata quindi intrapresa antibioticoterapia per 15 giorni con claritromicina in A., con graduale miglioramento clinico, e terapia profilattica per 7 giorni nei genitori, prolungata a 15 nella madre per la comparsa di segni di malattia.

Conclusioni
La pertosse, soprattutto nella fase catarrale, può facilmente mimare patologie più comuni quali bronchiolite, crisi comiziali e spasmi infantili nei lattanti, e rinite o bronchite in bambini e adulti. Nei primi mesi di vita la copertura vaccinale è assente o incompleta, e, spesso, la trasmissione di anticorpi da parte della madre è insufficiente: l’immunità verso la pertosse, infatti, sia dopo malattia che dopo vaccinazione, non è permanente ed è quindi necessario eseguire richiami vaccinali ogni 10 anni. Ricordate alle gestanti l'importanza del richiamo tra la 27a e la 36a settimana di età gestazionale!


PPT
Scarica la presentazione





Vuoi citare questo contributo?
E.M. Bellino, M.E. Di Cicco, G. Nuzzi, G. Costagliola, D. Peroni. QUANDO LA TOSSE è DIAGNOSTICA. Medico e Bambino pagine elettroniche 2019; 22(7) https://www.medicoebambino.com/?id=PPT1907_30.html




La riproduzione senza autorizzazione è vietata. Le informazioni di tipo sanitario contenute in questo sito Web sono rivolte a personale medico specializzato e non possono in alcun modo intendersi come riferite al singolo e sostitutive dell'atto medico. Per i casi personali si invita sempre a consultare il proprio medico curante. I contenuti di queste pagine sono soggetti a verifica continua; tuttavia sono sempre possibili errori e/o omissioni. Medico e Bambino non è responsabile degli effetti derivanti dall'uso di queste informazioni.

Unauthorised copies are strictly forbidden. The medical information contained in the present web site is only addressed to specialized medical staff and cannot substitute any medical action. For personal cases we invite to consult one's GP. The contents of the pages are subject to continuous verifications; anyhow mistakes and/or omissions are always possible. Medico e Bambino is not liable for the effects deriving from an improper use of the information.