MeB Pagine Elettroniche
a cura della redazione di MeB Pagine Elettroniche
Volume XXII
Luglio 2019
numero 7
PRESENTAZIONI PPT




GASTROENTEROLOGIA ED EPATOLOGIA


Esordio e decorso da manuale

Margherita Calia
Università di Milano-Bicocca


Indirizzo per corrispondenza: 
m.calia2@campus.unimib.it


A. ragazza di 12 anni, giunge in PS per dolore addominale, febbricola e scariche liquide.
Mute l’anamnesi fisiologica e patologica remota. All’esame obiettivo si presenta itterica, ma in buone condizioni generali; addome dolente in ipocondrio destro, fegato palpabile a 2 cm dall’arcata costale. Agli esami ematochimici ipertransaminasemia, iperbilirubinemia e coagulopatia (INR 1,92). All’eco addome: epatomegalia con parenchima disomogeneo, formazioni linfonodali all’ilo epatico, ispessimento della parete della colecisti, splenomegalia e falda ascitica. Nel sospetto di un'epatopatia viene ricoverata e inizia una terapia antiedemigena, con albumina, e diuretica, con furosemide, inoltre per la coagulopatia viene somministrata vitamina K e per favorire l’escrezione biliare Acido ursodesossicolico. Per escludere un’epatite infettiva viene eseguita la sierologia per HAV, HBV, HCV, HEV, EBV, CMV e Toxoplasma: tutti i risultati sono negativi. La ceruloplasmina ematica e la cupruria su urine 24 ore sono nella norma: possiamo quindi escludere anche la Malattia di Wilson. Nel sospetto di una patogenesi autoimmune viene eseguito il dosaggio delle immunoglobuline, che documenta un’ipergammaglobulinemia (Ig G 5970 mg/dl), e la ricerca anticorpale: LKM, AMA, ASMA, ENA, TTGr, Ab anti TG, Ab anti TPO negativi, nDNA 325 u/ml, cANCA ++, pANCA +++, ANA > 1:640, MPO 20,6 U, PR3 10,1 U.
Per escludere una colangite sclerosante autoimmune viene eseguita colangio-RMN, risultata nella norma. La biopsia epatica infine dimostra architettura cirrotica diffusa, con abbondante infiltrato infiammatorio ed epatite di interfaccia. La diagnosi è inequivocabile: Epatite Autoimmune di tipo1. Si avvia terapia immunosoppressiva steroidea (Prednisone al dosaggio massimo di 60 mg/die con progressivo scalo settimanale). Due mesi dopo, al follow-up, aumento delle transaminasi (flare epatico) allo scalo della terapia steroidea indice di recidiva di malattia, pertanto si introduce azatioprina con risposta biochimica.
L’epatite autoimmune è un epatopatia infiammatoria progressiva che può evolvere in cirrosi e insufficienza epatica se non trattata. Va sempre sospettata in un quadro di ipertransaminasemia con ipergammaglobulinemia e positività per auto-anticorpi (attenzione esiste anche la variante sieronegativa!). La biopsia epatica è necessaria per la conferma diagnostica.


PPT
Scarica la presentazione





Vuoi citare questo contributo?
M. Calia. ESORDIO E DECORSO DA MANUALE. Medico e Bambino pagine elettroniche 2019; 22(7) https://www.medicoebambino.com/?id=PPT1907_150.html




La riproduzione senza autorizzazione è vietata. Le informazioni di tipo sanitario contenute in questo sito Web sono rivolte a personale medico specializzato e non possono in alcun modo intendersi come riferite al singolo e sostitutive dell'atto medico. Per i casi personali si invita sempre a consultare il proprio medico curante. I contenuti di queste pagine sono soggetti a verifica continua; tuttavia sono sempre possibili errori e/o omissioni. Medico e Bambino non è responsabile degli effetti derivanti dall'uso di queste informazioni.

Unauthorised copies are strictly forbidden. The medical information contained in the present web site is only addressed to specialized medical staff and cannot substitute any medical action. For personal cases we invite to consult one's GP. The contents of the pages are subject to continuous verifications; anyhow mistakes and/or omissions are always possible. Medico e Bambino is not liable for the effects deriving from an improper use of the information.