MeB Pagine Elettroniche
a cura della redazione di MeB Pagine Elettroniche
Volume XX
Marzo 2017
numero 3
PROTOCOLLI DI DIAGNOSI E TERAPIA


La frequenza cardiaca nel bambino febbrile:
i centili per età e valore di temperatura
Chiara Udina1, Federico Marchetti2
1IRCCS Materno-Infantile "Burlo Garofolo", Università di Trieste
2UOC di Pediatria e Neonatologia, Ospedale di Ravenna, AUSL della Romagna

Indirizzo per corrispondenza: 
chiaraudina@gmail.com


PREMESSA

Il rilevamento della frequenza cardiaca rientra nella valutazione del bambino febbrile. Un suo aumento può far parte della fisiologica reazione alla febbre, ma può anche rappresentare una risposta a eventuali ipotensione e ipoperfusione conseguenti a una possibile grave infezione.
Le Linee Guida sulla valutazione del bambino febbrile con il sistema a semaforo della NICE del 2013 hanno come principale novità l’aggiunta della tachicardia tra i segni che fanno diventare automaticamente intermedio (“giallo”) il rischio di malattia severa1. La valutazione della tachicardia rientra nel capitolo della osservazione “Circolazione e idratazione”, insieme alle mucose secche, allo scarso appetito nei bambini piccoli, a un tempo di ricircolo > 3 sec o a una diuresi diminuita, che pongono il bambino in un “rischio intermedio”. In pratica un bambino con tachicardia non dovrebbe essere rimandato a casa ma trattenuto per una rivalutazione nelle successive ore.



Come deve essere valutata la frequenza cardiaca

Bisogna fare riferimento ai percentili della frequenza cardiaca aggiustati per età e temperatura corporea (Figura 1) elaborati da Thompson e coll.2. Saper interpretare: bambini con una frequenza cardiaca più alta di quanto ci si aspetterebbe per quell’età e quella temperatura corporea meritano un pensiero in più. Una valutazione seriata in questi casi può essere utile:
  • attraversamento dei centili verso l’alto in più valutazioni seriate = possibile infezione grave;

  • permanenza sullo stesso centile all’aumentare della temperatura = indice di stabilità clinica.

Figura 1. Percentili della frequenza cardiaca aggiustati per età e temperatura corporea.



Bibliografia
  1. Tornese G, Marchetti F. La valutazione del bambino febbrile di età inferiore a 5 anni. Medico e Bambino 2014;33(3):170-4.
  2. Thompson M, Harnden A, Perera R, et al. Deriving temperature and age appropriate heart rate centiles for children with acute infections. Arch Dis Child 2009;94(5):361-5.


Vuoi citare questo contributo?
C. Udina, F. Marchetti. LA FREQUENZA CARDIACA NEL BAMBINO FEBBRILE: I CENTILI PER ETà E VALORE DI TEMPERATURA. Medico e Bambino pagine elettroniche 2017; 20(3) https://www.medicoebambino.com/?id=PDT1703_20.html




La riproduzione senza autorizzazione è vietata. Le informazioni di tipo sanitario contenute in questo sito Web sono rivolte a personale medico specializzato e non possono in alcun modo intendersi come riferite al singolo e sostitutive dell'atto medico. Per i casi personali si invita sempre a consultare il proprio medico curante. I contenuti di queste pagine sono soggetti a verifica continua; tuttavia sono sempre possibili errori e/o omissioni. Medico e Bambino non è responsabile degli effetti derivanti dall'uso di queste informazioni.

Unauthorised copies are strictly forbidden. The medical information contained in the present web site is only addressed to specialized medical staff and cannot substitute any medical action. For personal cases we invite to consult one's GP. The contents of the pages are subject to continuous verifications; anyhow mistakes and/or omissions are always possible. Medico e Bambino is not liable for the effects deriving from an improper use of the information.