Rivista di formazione e di aggiornamento professionale del pediatra e del medico di base, realizzata in collaborazione con l'Associazione Culturale Pediatri

M&B Pagine Elettroniche

I Poster degli specializzandi

Modi diversi di sviluppare un diabete
Matteo Pavan1, Angela Lora1, Giulia Gortani2, Elena Faleschini2
1Università di Trieste
2IRCCS Materno-Infantile "Burlo Garofolo", Trieste
Indirizzo per corrispondenza: matteo_pavan@hotmail.it


Rebecca, 12 anni, giunge alla nostra attenzione inviata dal medico curante per riscontro di glicosuria in occasione della visita sportiva. In seguito a tale riscontro il curante aveva prescritto i seguenti accertamenti: glicemia 122 mg/dl a digiuno e HbA1c 6,2%. La ragazza non riferisce calo ponderale, non poliuria/polidipsia e obiettivamente non presenta segni di disidratazione. Eseguiamo uno stick urine che conferma una glicosuria 3+ in assenza di chetoni; il destrostix a distanza di 2 ore dall’ultimo pasto rileva una glicemia di 139 mg/dl. Da segnalare un’anamnesi familiare positiva per iperglicemia: padre con storia di iperglicemia dopo evento stressante (peritonite) e con glicemie a digiuno intorno ai 115-120 mg/dl; nonno materno con storia di iperglicemie non meglio specificate in giovane età. Rebecca viene quindi ricoverata per approfondire il quadro: il profilo di glicemie e glicosurie con misurazioni preprandiali e a 2 ore del pasto evidenzia elevati valori di glucosio nelle urine (1171 mg/dl), con glicemie al di sopra dei range di normalità ma mai superiori a 180 mg/dl. Il test da carico orale con glucosio (OGTT) mostra una quadro di ridotta tolleranza glucidica, con glicemia di 144 mg/dl al tempo 120’. Per valutare la risposta insulinemica β-cellulare viene eseguito un test da stimolo con glucosio ev (IVGTT) che mostra un’insufficiente produzione insulinica: FPIR (First Phase Insulin Response) < 3° centile per stadio di Tanner. Il dosaggio degli autoanticorpi specifici per diabete di tipo 1 (IA2, IAA, GAD, ICA e anti-ZnT8) è in corso.
Il sospetto di un diabete diverso rispetto al classico autoimmune tipo 1 è forte. Rivalorizzando i dati clinici (iperglicemie moderate asintomatiche, glicosuria sproporzionata rispetto alle iperglicemie) e la familiarità per iperglicemie, l’ipotesi principale ricade su un diabete monogenico tipo MODY. In particolare il MODY 3 è il diabete monogenico più frequente insieme al MODY 2 (prevalenze diverse a seconda del Paese), ed è dovuto a una mutazione del gene HNF-1α che codifica per un fattore di trascrizione nucleare, con conseguente ridotta sintesi insulinca in risposta all’ingresso di glucosio nella β-cellula. A questo si associa un difetto di riassorbimento di glucosio a livello del tubulo renale con glicosuria significativa, sproporzionata rispetto all’iperglicemia. Questi dati rendono il MODY 3 l’ipotesi diagnostica principale nel caso di Rebecca. A differenza del MODY 2, il MODY 3 ha carattere progressivo, con possibile comparsa a distanza di complicanze micro- e macrovascolari. La terapia si basa sull’utilizzo di ipoglicemizzanti orali in grado di stimolare la secrezione insulinica dal pancreas.

Vuoi citare questo contributo?

M. Pavan, A. Lora, G. Gortani, E. Faleschini Modi diversi di sviluppare un diabete. Medico e Bambino pagine elettroniche 2017;20(6) https://www.medicoebambino.com/?id=PSR1706_10.html