Rivista di formazione e di aggiornamento professionale del pediatra e del medico di base, realizzata in collaborazione con l'Associazione Culturale Pediatri

M&B Pagine Elettroniche

I Poster degli specializzandi

What a PHACE!
Sara Casagranda1, Milena Mariani2, Silvia Maitz2, Angelo Selicorni2
1Clinica Pediatrica, Fondazione MBBM, Monza
2UOS di Genetica Clinica Pediatrica, Clinica Pediatrica, Fondazione MBBM, Monza, Università degli Studi di Milano-Bicocca
Indirizzo per corrispondenza: casagranda.sara@gmail.com


Descriviamo il caso di una neonata di un mese giunta alla nostra attenzione per angioma temporo-parietale destro con tumefazione e ptosi palpebrale omolaterale. In anamnesi riscontro fetale, prima ecografico indi alla RMN, di ipoplasia cerebellare. Per comparsa di ingravescente angioma palpebrale con ptosi palpebrale, a 10 giorni di vita era stata eseguita RMN encefalo con evidenza di un “quadro malformativo della fossa cranica posteriore con ipoplasia del verme cerebellare e dell’emisfero cerebellare destro associate a dilatazione cistica della cisterna magna in sede mediana e paramediana destra con ampia comunicazione con il IV ventricolo, aumentato di dimensioni”.
L’associazione di emangioma segmentario del volto e malformazioni della fossa cranica posteriore ci ha permesso di porre diagnosi di sindrome PHACE.
Ad approfondimento di possibili problematiche sindrome-associate, abbiamo eseguito RMN orbite e angio RMN intra/extracranica con evidenza di una “voluminosa formazione espansiva endo-orbitaria destra che circonda il bulbo oculare, con marcato esoftalmo e ptosi oculare, e tortuosità dell’arteria carotide interna nel tratto prepetroso”. Le valutazioni oculistica, neuropsichiatrica infantile e cardiologica sono risultate nella norma. Visto il coinvolgimento oculare, abbiamo iniziato terapia con betametasone (0,2 mg/kg/die per 21 giorni, poi scalo in 28 giorni) e propranololo (1 mg/kg/die per 7 giorni, indi 1,5 mg/kg/die per 7 giorni, poi 2 mg/kg/die per circa 3 mesi in seguito scalato sino a sospensione in 2 mesi) con progressiva riduzione della lesione angiomatosa ai controlli clinici successivi. A 6 mesi dall’inizio della terapia sono state ripetute RMN encefalo e angio RMN intra/extracranica con scomparsa della formazione espansiva orbitaria.

Conclusioni
La presenza di malformazioni fetali isolate è un campanello di allarme per eventuali malformazioni associate. Nei pazienti affetti da sindrome PHACE “a rischio standard”, la terapia con propranololo sembra essere efficace e sicura.

Vuoi citare questo contributo?

S. Casagranda, M. Mariani, S. Maitz, A. Selicorni What a PHACE!. Medico e Bambino pagine elettroniche 2016;19(6) https://www.medicoebambino.com/?id=PSR1606_10.html

Copyright © 2019 - 2019 Medico e Bambino - Via S.Caterina 3 34122 Trieste - Partita IVA 00937070324
redazione: redazione@medicoebambino.com, tel: 040 3728911 fax: 040 7606590
abbonamenti: abbonamenti@medicoebambino.com, tel: 040 3726126

La riproduzione senza autorizzazione è vietata. Le informazioni di tipo sanitario contenute in questo sito Web sono rivolte a personale medico specializzato e non possono in alcun modo intendersi come riferite al singolo e sostitutive dell'atto medico. Per i casi personali si invita sempre a consultare il proprio medico curante. I contenuti di queste pagine sono soggetti a verifica continua; tuttavia sono sempre possibili errori e/o omissioni. Medico e Bambino non è responsabile degli effetti derivanti dall'uso di queste informazioni.

Unauthorised copies are strictly forbidden. The medical information contained in the present web site is only addressed to specialized medical staff and cannot substitute any medical action. For personal cases we invite to consult one's GP. The contents of the pages are subject to continuous verifications; anyhow mistakes and/or omissions are always possible. Medico e Bambino is not liable for the effects deriving from an improper use of the information.