Rivista di formazione e di aggiornamento professionale del pediatra e del medico di base, realizzata in collaborazione con l'Associazione Culturale Pediatri

M&B Pagine Elettroniche

I Poster degli specializzandi

Prevalenza e quadro clinico della celiachia nell’allergia alimentare severa
Giuseppe Patano
Scuola di Specializzazione in Pediatria, IRCCS Materno-Infantile "Burlo Garofolo", Università di Trieste
Indirizzo per corrispondenza: pepponzolo@gmail.com


Obiettivi. Determinare la prevalenza della malattia celiaca nella nostra popolazione di soggetti con allergia alimentare grave IgE mediata, mediante ricerca di autoanticorpi specifici; successivo confronto con la popolazione generale e con un gruppo di allergici non severi.

Soggetti e metodi. 295 soggetti (età media 9 anni) venuti a effettuare la desensibilizzazione presso l’Allergologia del "Burlo Garofolo" di Trieste nel periodo tra il 2007 e agosto 2014, perché affetti da allergia alimentare severa.

Disegno dello studio. Sui prelievi fatti ai soggetti del nostro gruppo di studio, presenti nella nostra banca del siero, è stata effettuata retrospettivamente la ricerca degli anticorpi anti-transglutaminasi e/o anti-endomisio. Il dato della prevalenza ottenuto si riferisce ai soggetti con sierologia positiva sommati ai celiaci già noti; tale prevalenza è stata poi confrontata con quella di due popolazioni di controllo: una di allergici non severi, l’altra costituita dalla popolazione pediatrica generale.

Gruppi di confronto. Il gruppo degli allergici non severi includeva 67 bambini venuti al Burlo fra aprile 2010 e luglio 2014 per effettuare la prova di scatenamento (TPO), sui cui campioni di sangue sono stati ricercati gli EMA. Per la popolazione generale pediatrica, abbiamo utilizzato i dati dello studio “buono come il riso”, massiccio screening condotto fra settembre 1999 e giugno 2000, per determinare la prevalenza di celiachia in 3188 alunni delle scuole elementari triestine, mediante la ricerca degli anticorpi tTG.

Risultati. Nel gruppo di studio di 295 soggetti sono stati individuati 14 pazienti positivi agli EMA, e 4 celiaci noti. In totale, la prevalenza di soggetti celiaci è pari al 6,1% (18/295). Tra i 14 soggetti positivi agli EMA, 8 hanno ricevuto conferma bioptica di celiachia (per un totale di 12/18 pazienti con biopsia patologica); tra i rimanenti 6, 2 erano tTG e EMA e HLA DQ2/8 positivi, mentre 4 presentavano positività solamente degli EMA (due con genetica predisponente; gli altri due HLA non noti). Per quanto riguarda i due gruppi di controllo “buono come il riso” e “allergici non severi” la prevalenza è risultata pari all’1% nel primo gruppo e all’1,4% nel secondo.

Conclusioni. La prevalenza della celiachia nei soggetti con allergia alimentare severa è del 6,1%, 6 volte maggiore rispetto a quella della popolazione generale pediatrica (1%), e 4 volte superiore a quella dei soggetti con allergia di minore gravità (1,4%).

Vuoi citare questo contributo?

G. Patano Prevalenza e quadro clinico della celiachia nell’allergia alimentare severa. Medico e Bambino pagine elettroniche 2015;18(9) https://www.medicoebambino.com/?id=PSR1509_30.html

Copyright © 2019 - 2019 Medico e Bambino - Via S.Caterina 3 34122 Trieste - Partita IVA 00937070324
redazione: redazione@medicoebambino.com, tel: 040 3728911 fax: 040 7606590
abbonamenti: abbonamenti@medicoebambino.com, tel: 040 3726126

La riproduzione senza autorizzazione è vietata. Le informazioni di tipo sanitario contenute in questo sito Web sono rivolte a personale medico specializzato e non possono in alcun modo intendersi come riferite al singolo e sostitutive dell'atto medico. Per i casi personali si invita sempre a consultare il proprio medico curante. I contenuti di queste pagine sono soggetti a verifica continua; tuttavia sono sempre possibili errori e/o omissioni. Medico e Bambino non è responsabile degli effetti derivanti dall'uso di queste informazioni.

Unauthorised copies are strictly forbidden. The medical information contained in the present web site is only addressed to specialized medical staff and cannot substitute any medical action. For personal cases we invite to consult one's GP. The contents of the pages are subject to continuous verifications; anyhow mistakes and/or omissions are always possible. Medico e Bambino is not liable for the effects deriving from an improper use of the information.