Rivista di formazione e di aggiornamento professionale del pediatra e del medico di base, realizzata in collaborazione con l'Associazione Culturale Pediatri

M&B Pagine Elettroniche

I Poster degli specializzandi

Tre intossicazioni
Elisa Panontin, Ester Conversano
Scuola di Specializzazione in Pediatria, IRCCS Materno-Infantile “Burlo Garofolo”, Università di Trieste
Indirizzo per corrispondenza: asilepan@yahoo.it


A. ha 3 anni e ha ingerito accidentalmente 15 compresse da 50 mcg di levotiroxina della madre (750 mcg, 58 mcg/kg). Lo conosciamo a distanza di 24 ore, quando già era stato fatto tutto: lavanda gastrica, carbone attivo e intubazione per asportare qualche residuo in ipofaringe. Gli esami hanno mostrato un progressivo aumento degli ormoni tiroidei con soppressione del TSH. In tutto ciò però il bambino è sempre stato asintomatico, con parametri stabili ed ECG negativo. Studiando, scopriamo che l’ingestione accidentale di levotiroxina è frequente in età pediatrica e la letteratura è tranquillizzante. Anche a dosaggi superiori, l’80% dei casi rimane asintomatico (in assenza di altre patologie) e dopo 3-5 giorni gli ormoni tiroidei cominciano a calare (normalizzandosi tra il 10° e il 12° giorno): in assenza di sintomi non c’è indicazione a fare proprio nulla.

M. invece ha 13 anni e arriva in Pronto Soccorso (PS) sorretta da padre e nonna, perché non si sente molto stabile: ha assunto un'intera confezione di compresse di metoprololo del nonno (2 g la dose totale). Ha un'importante ipotensione ortostatica ma i parametri in posizione supina sono buoni (PA 90/50 mmHg, FC 50 bpm), a eccezione di qualche picco ipotensivo fino a 70/30. Sentiamo il Centro antiveleni (CAV) ma già lo immaginiamo: con questi dosaggi il rischio di tossicità cardiaca è elevato e quindi bisogna fare “tutto”. Cardio-monitor, bolo di soluzione fisiologica, lavanda gastrica e carbone attivo... e a portata di mano il farmaco salva-vita: il glucagone. Leggiamo anche che in qualche caso è stato necessario eseguire il pacing cardiaco: quindi la prepariamo con un accesso centrale congruo (giugulare interna) e la trasferiamo in un Centro in cui siano attrezzati a eseguire questa manovra. M. adesso sta bene, ma il suo era un vero tentamen, per cui è seguita dal Servizio di Neuropsichiatria.

J. ha quasi 18 anni e arriva in PS, all'alba. Al triage dice di aver assunto una decina di compresse di sertralina (antidepressivo che assumeva già da qualche mese). La blocchiamo subito, le mettiamo il cardio-monitor, facciamo l’ECG e chiamiamo il CAV... ma non serve: noi non la stavamo ascoltando ma era da un po' che la ragazza tentava di dirci che ormai era successo 3 giorni prima e che in realtà lei era venuta in PS perché le faceva male un braccio... Lasciamo perdere la sertralina e andiamo a vedere: l'avambraccio sinistro è tumefatto, caldo e rosso e c’è anche una febbricola. Ha una cellulite. E ce l'ha perché da qualche giorno si fa delle “infiltrazioni” sottocute con colla vinilica e trielina. Le diamo l'antibiotico e chiamiamo il neuropsichiatra perché J. sta chiedendo aiuto, e questa è l'unica cosa che possiamo fare per lei.

Tre intossicazioni, tutte diverse tra loro: la prima in cui non si deve fare niente; la seconda in cui fare tutto e farlo in urgenza è obbligatorio; la terza in cui l'unica cosa da fare è chiamare il neuropsichiatra. Spesso l’intossicazione nell’adolescente ci deve far pensare a un disagio psicologico sottostante, che diventa il vero problema a cui rivolgere l’attenzione una volta risolta l’acuzie; invece nel bambino più piccolo si può trattare di un’ingestione del tutto accidentale di qualcosa che non dovrebbe essere lasciato a portata di mano.

Vuoi citare questo contributo?

E. Panontin, E, Conversano Tre intossicazioni. Medico e Bambino pagine elettroniche 2015;18(8) https://www.medicoebambino.com/?id=PSR1508_20.html

Copyright © 2019 - 2019 Medico e Bambino - Via S.Caterina 3 34122 Trieste - Partita IVA 00937070324
redazione: redazione@medicoebambino.com, tel: 040 3728911 fax: 040 7606590
abbonamenti: abbonamenti@medicoebambino.com, tel: 040 3726126

La riproduzione senza autorizzazione è vietata. Le informazioni di tipo sanitario contenute in questo sito Web sono rivolte a personale medico specializzato e non possono in alcun modo intendersi come riferite al singolo e sostitutive dell'atto medico. Per i casi personali si invita sempre a consultare il proprio medico curante. I contenuti di queste pagine sono soggetti a verifica continua; tuttavia sono sempre possibili errori e/o omissioni. Medico e Bambino non è responsabile degli effetti derivanti dall'uso di queste informazioni.

Unauthorised copies are strictly forbidden. The medical information contained in the present web site is only addressed to specialized medical staff and cannot substitute any medical action. For personal cases we invite to consult one's GP. The contents of the pages are subject to continuous verifications; anyhow mistakes and/or omissions are always possible. Medico e Bambino is not liable for the effects deriving from an improper use of the information.