Rivista di formazione e di aggiornamento professionale del pediatra e del medico di base, realizzata in collaborazione con l'Associazione Culturale Pediatri

M&B Pagine Elettroniche

I Poster degli specializzandi

Non solo invaginazione
Marco Copertino, Maria Valentina Abate
Scuola di Specializzazione in Pediatria, IRCCS Materno-Infantile “Burlo Garofolo”, Università di Trieste
Indirizzo per corrispondenza: marco.copertino@gmail.com


Ore 21. Pronto Soccorso.
L'arrivo di Valentina, lattantina di 9 mesi, ci viene preannunciato da una macchinina gialla, il codice colore assegnato in fase di triage. Scambiamo due rapide parole con la mamma prima di visitarla e scopriamo che la bimba ha iniziato improvvisamente a vomitare, lo ha già fatto 7 volte in un'ora; non ha febbre né diarrea.
Tre giorni prima aveva presentato un episodio analogo ma meno rilevante, con vomito seguito da diarrea, in apiressia, risoltosi spontaneamente nell'arco di alcune ore.
Clinicamente Valentina è molto pallida e prostrata, se non stimolata tende ad assopirsi, ma soprattutto continua a vomitare davanti ai nostri occhi; è lievemente tachicardica ma ha un buon circolo e l'esame obiettivo risulta del tutto normale, senza apparente dolorabilità addominale. Pensando a una pur improbabile coda di gastroenterite, facciamo un tentativo di reidratazione orale, senza evidenza di efficacia; nemmeno la premedicazione con ondansetron sublinguale sortisce l'effetto sperato, anzi, dopo quasi due ore Valentina ci sembra più soporosa che non all'ingresso.
Il pensiero sempre più insistente di un'invaginazione intestinale prende il sopravvento quando compaiono due scariche muco-ematiche; decidiamo allora di stabilizzare la bimba (accesso venoso con infusione di soluzione fisiologica) e di contattare il radiologo per effettuare un'ecografia addominale. Visto l'aspetto simil-settico richiediamo alcuni esami ematici che escludono un'eziologia infettiva (indici di flogosi negativi) ma evidenziano alcuni risultati singolari: una leucocitosi neutrofila, una piastrinosi e un'iperglicemia. Una reazione allo stress? Sarà invaginata? Ma l'ecografia esclude tale ipotesi, né evidenzia la presenza di segni indiretti di una invaginazione risolta spontaneamente.
Il quadro clinico evolve rapidamente e dopo poco più di un'ora Valentina è rosea, più reattiva e si attacca al seno. Sarà stato l'ondansetron? La soluzione fisiologica? Il turno finisce e andiamo a casa rassicurati dalle sue condizioni ma con la frustrazione di non averci capito nulla.
La madre ci ha chiesto più volte se l'uovo dato per cena avesse potuto scatenare tutto ciò ma, diavolo, no!! Sarebbe bastato, però, chiedere per scoprire che quella era la seconda volta che Valentina assumeva l'uovo (la prima volta proprio pochi giorni prima, con manifestazioni etichettate come gastroenterite) e che quindi i suoi sintomi erano riconducibili nient'altro che a una FPIES...

Vuoi citare questo contributo?

M. Copertino, M.V. Abate Non solo invaginazione. Medico e Bambino pagine elettroniche 2015;18(6) https://www.medicoebambino.com/?id=PSR1506_10.html

Copyright © 2019 - 2019 Medico e Bambino - Via S.Caterina 3 34122 Trieste - Partita IVA 00937070324
redazione: redazione@medicoebambino.com, tel: 040 3728911 fax: 040 7606590
abbonamenti: abbonamenti@medicoebambino.com, tel: 040 3726126

La riproduzione senza autorizzazione è vietata. Le informazioni di tipo sanitario contenute in questo sito Web sono rivolte a personale medico specializzato e non possono in alcun modo intendersi come riferite al singolo e sostitutive dell'atto medico. Per i casi personali si invita sempre a consultare il proprio medico curante. I contenuti di queste pagine sono soggetti a verifica continua; tuttavia sono sempre possibili errori e/o omissioni. Medico e Bambino non è responsabile degli effetti derivanti dall'uso di queste informazioni.

Unauthorised copies are strictly forbidden. The medical information contained in the present web site is only addressed to specialized medical staff and cannot substitute any medical action. For personal cases we invite to consult one's GP. The contents of the pages are subject to continuous verifications; anyhow mistakes and/or omissions are always possible. Medico e Bambino is not liable for the effects deriving from an improper use of the information.