Rivista di formazione e di aggiornamento professionale del pediatra e del medico di base, realizzata in collaborazione con l'Associazione Culturale Pediatri

M&B Pagine Elettroniche

I Poster degli specializzandi

Una pila che non si muove
Giulia Bassanese
Scuola di Specializzazione in Pediatria, Università di Trieste
Indirizzo per corrispondenza: giuliabassanese@hotmail.it


Giorgio è un bambino di 4 anni, che viene portato in Pronto Soccorso dai genitori perché da un paio di ore presenta un forte dolore addominale, associato a vomito di materiale cartaceo.
In questa occasione viene eseguita una Rx addominale in proiezione antero-posteriore che rivela la presenza di un corpo estraneo radio-opaco in sede digiuno-ileale (Figura 1).

Figura 1. Rx addominale in proiezione antero-posteriore che rivela la presenza di un corpo estraneo radio opaco in sede digiuno-ileale.

L’oggetto per forma e dimensione risultava compatibile con una disk battery e avendo questo oltrepassato il piloro, intraprendiamo (come da linee guida) un trattamento con lassativi e clisteri in modo da far espellere l’oggetto al bambino nel minor tempo possibile.
Dopo qualche giorno, sebbene il bambino scaricasse feci semiliquide 2-3 volte die, non aveva ancora eliminato il corpo estraneo che all'ennesima Rx risultava localizzato nella medesima posizione della lastra precedente; questa volta abbiamo eseguito una Rx anche in proiezione latero-laterale, la quale mostrava un oggetto formato da 2 dischi metallici contigui divisi da uno stretto binario (Figura 2).

Figura 2. Rx in proiezione latero-laterale: mostra i due magneti.

Dopo aver continuato la terapia procinetica ancora per 48 ore senza alcun risultato, abbiamo deciso di sottoporre il bambino a laparoscopia esplorativa che ha evidenziato una fistola ileale transmesocolica causata dall'avvicinamento di due anse ileali in cui in ciascuna di esse era contenuta una calamita (Figure 3 e 4).
Figura 3. Laparoscopia esplorativa.

Figura 3. Magneti rimossi.

L’ingestione di magneti è ampiamente descritta in letteratura e rappresenta un grave rischio per la salute del bambino, portando potenzialmente a gravi complicanze come la perforazione. I “take home messages” di questo caso sono essenzialmente due: il primo è l’importanza di ricordare ai genitori di vegliare i figli quando giocano con giocattoli con componenti magnetiche; in secondo luogo, in caso di anamnesi muta, è utile fin da subito eseguire un Rx anche in proiezione latero-laterale. Avremmo infatti così compreso che, per morfologia, non si trattava di una disk battery, ma di due magneti adesi tra loro: spesso infatti non tutto è quello che sembra.



Vuoi citare questo contributo?

G. Bassanese Una pila che non si muove . Medico e Bambino pagine elettroniche 2014;17(8) https://www.medicoebambino.com/?id=PSR1408_10.html

Copyright © 2019 - 2019 Medico e Bambino - Via S.Caterina 3 34122 Trieste - Partita IVA 00937070324
redazione: redazione@medicoebambino.com, tel: 040 3728911 fax: 040 7606590
abbonamenti: abbonamenti@medicoebambino.com, tel: 040 3726126

La riproduzione senza autorizzazione è vietata. Le informazioni di tipo sanitario contenute in questo sito Web sono rivolte a personale medico specializzato e non possono in alcun modo intendersi come riferite al singolo e sostitutive dell'atto medico. Per i casi personali si invita sempre a consultare il proprio medico curante. I contenuti di queste pagine sono soggetti a verifica continua; tuttavia sono sempre possibili errori e/o omissioni. Medico e Bambino non è responsabile degli effetti derivanti dall'uso di queste informazioni.

Unauthorised copies are strictly forbidden. The medical information contained in the present web site is only addressed to specialized medical staff and cannot substitute any medical action. For personal cases we invite to consult one's GP. The contents of the pages are subject to continuous verifications; anyhow mistakes and/or omissions are always possible. Medico e Bambino is not liable for the effects deriving from an improper use of the information.