Rivista di formazione e di aggiornamento professionale del pediatra e del medico di base, realizzata in collaborazione con l'Associazione Culturale Pediatri

M&B Pagine Elettroniche

I Poster degli specializzandi

Va' dove ti porta il cuore
G. Spagnut, M. Vergine
Scuola di Specializzazione in Pediatria di Udine
Indirizzo per corrispondenza: giulia_spag@hotmail.com


Giulia, 6 anni, sana, giunge in Pronto Soccorso per febbre alta persistente da 5 giorni, astenia e lieve dispnea comparsa dalla sera stessa. Discrete condizioni generali, cute roseo-pallida, P 21,5 kg stabile, TC 37,7 °C. Respiro appoggiato, al torace su tutti i focolai e al dorso, si apprezza soffio cardiaco 3-4/6, in assenza di edemi declivi ed epatosplenomegalia. Faringe liervemente iperemico ai pilastri, non petecchie. I genitori riferiscono che il soffio è stato segnalato per la prima volta dal pediatra di famiglia solo 2 giorni prima in corso di rialzo febbrile. Da segnalare una faringite non trattata circa 2 mesi prima. Esegue esami ematici: GB 14.700/mmc, Hb 11,4 g/dl, PLT 283.000/mmc, PCR 249 mg/l, VES 75 mm/h; Rx torace che non documenta una cardiomeglaia né addensamenti, ECG inizialmente refertato come nella norma.
All’ecocardiogramma si evidenzia dilatazione atriale e ventricolare sinistra con rigurgito mitralico severo e alterazione dei lembi mitralici, per cui avvia terapia con captopril. La positività di una prima emocoltura per Gram+ (Staphylococcus hominis), nel sospetto di un’endocardite batterica, ha imposto avvio con terapia antibiotica ev. Tuttavia l’evidenza successiva di un BAV di primo grado all’ECG, di un TAS di 1822 UI/ml e di una negatività della seconda e terza emocoltura hanno indirizzato verso una diagnosi di cardite in corso di malattia reumatica. È stata iniziata terapia con prednisone 2 mg/kg/die, embricato con ASA (80 mg/kg/die) dopo 4 settimane, senza risoluzione della valvulopatia. Attualmente è ancora in ASA e captopril, le è stata vietata qualsiasi attività ludico-motoria, esegue ecocardiografie mensili e profilassi con benzatilpenicillina im.

Conclusioni
La febbre reumatica è una malattia infiammatoria acuta che può colpire le articolazioni, il cuore, la pelle e il SNC. La cardite è la manifestazione più grave (colpisce dal 40% al 75% dei pazienti). Il caso interessante di Giulia è che all’esordio presentava solo febbre (criterio minore) e soffio cardiaco (criterio maggiore). D'altro canto la cardite che ha presentato è risultata da subito molto grave e invalidante. Per cui il messaggio da portarsi a casa è che un soffio cardiaco >2/6 olosistolico di nuova insorgenza che persiste anche fuori dal picco febbrile senza altri sintomi impone una diagnosi di esclusione di cardite al fine di avviare tempestivamente la terapia antiinfiammatoria e eventuale trattamento dell’insufficienza cardiaca. Rimane inoltre obbligatorio secondo linee guida dell’AHA il trattamento profilattico per le recidive fino all’età adulta.

Vuoi citare questo contributo?

G. Spagnut, M. Vergine Va’ dove ti porta il cuore. Medico e Bambino pagine elettroniche 2014;17(2) https://www.medicoebambino.com/?id=PSR1402_20.html