Rivista di formazione e di aggiornamento professionale del pediatra e del medico di base, realizzata in collaborazione con l'Associazione Culturale Pediatri

M&B Pagine Elettroniche

Il commento

La politica sul farmaco in Italia: i disastri colposi e i meriti
Federico Marchetti
Clinica Pediatrica, IRCCS Burlo Garofolo, Trieste
Indirizzo per corrispondenza: marchetti@burlo.trieste.it


Scrivo per dovere di informazione nei confronti di chi ha saputo in questi giorni delle vicende giudiziarie che hanno riguardato l'AIFA, sino alla sospensione del suo Direttore, il dott. Nello Martini. Non conosco (e penso che pochi conoscano) i fatti; sappiamo dagli organi di stampa il principale capo di accusa: disastro colposo (sottolineo la parola disastro). Per non aver aggiornato i foglietti illustrativi, sappiamo da quanto si scrive sulle notizie flash dei giornali. Comunque vada a finire, il "progetto AIFA" di questi anni, che ha radicalmente cambiato il modo di gestire (e concepire) la politica sul farmaco in Italia, con riconoscimenti e modelli adottati anche a livello internazionale, rischia di decadere e vi potrebbe essere un salto nel passato.
La logica, che personalmente ho percepito con soddisfazione, in questi anni, da parte dell'AIFA in tema di politica del farmaco, è stata non solo di attività regolatoria ma anche di una farmacovigilanza che andava oltre le schede tecniche e i foglietti illustrativi, che non sono mai state quelle che hanno indirizzato i medici e la comunità scientifica nelle scelte terapeutiche "migliori" rivolte ai bisogni dei pazienti.
Quello che si è reso evidente è stato un modello di formazione e informazione che, con capacità e senza forzature, ha reso il paziente e i suoi bisogni terapeutici al servizio delle migliori conoscenze, dei migliori servizi e strumenti disponibili. Si pensi a come è cambiato il Bollettino di Informazione sul Farmaco (BIF) (vero strumento di informazione su quelle che sono gli aspetti rilevanti in tema di priorità cliniche e regolatorie che nascono dalle evidenze della letteratura e dal Registro Nazionale di Farmacovigilanza); si pensi alla formazione a distanza (progetto ECCE); si pensi ai tanti prontuari farmaceutici e documenti prodotti su aspetti specifici di uso razionale del farmaco che sono sulle scrivanie di tutti i medici italiani; si pensi ai bandi di ricerca AIFA, unico esempio europeo di una ricerca indipendente e formalmente ineccepibile che ha messo insieme tanti gruppi di ricerca, clinici, su problemi di assoluta rilevanza. Si pensi ai tanti progetti di farmacovigilanza attiva messi in piedi su nuovi farmaci introdotti sul mercato, al registro dei clinical trial aperto a tutti e infine alle commissioni volute dall'AIFA per aree specifiche, tra cui quella della pediatria.
La commissione pediatrica, per esempio, in questi due anni ha lavorato in una direzione sicuramente a servizio di un'informazione e di un'attività regolatoria che, su alcuni temi specifici, è stata di rilievo nella sensibilizzazione e nel tentativo di risoluzione di alcune aree critiche che riguardano singoli farmaci o classi di farmaci utilizzati nei bambini con un bilancio tra i rischi e benefici dubbio o non favorevole (i decongestionanti nasali, i farmaci antivomito ecc); lavorando anche sul problema dei farmaci off-label con un tentativo (in fase di conclusione) di produrre una lista di molecole che hanno una dimostrata efficacia in età pediatrica; il lavoro è stato rivolto anche alla sensibilizzazione per una farmacovigilanza attiva che coinvolga la pediatria ospedaliera e territoriale.
Cosa rimarrà di tutto questo, di questi meriti? La speranza è che il patrimonio umano e culturale che si è reso disponibile possa avere una sua continuità. Sono sicuro che chiunque, in questi anni, abbia avuto modo di accorgersi di quanto la politica sul farmaco in Italia sia cambiata (in meglio) e qualsiasi ritorno al passato, fatto unicamente di regole burocratiche e di atti regolatori (fatti di pubblicazioni sulla Gazzetta Ufficiale), possa essere dannoso per la cultura e formazione dei medici e la salute dei pazienti. Sono anche sicuro che il disastro colposo annunciato non sia a discapito della comunità. Il resto lo sapremo, speriamo non solo dai giornali.

Conflitto di interessi: Non ho ricevuto alcun finanziamento su progetti da parte dell'AIFA. Faccio parte della Commissione Pediatrica come esperto incaricato e non ricevo, come tutti, alcun compenso per questa attività. Le spese per i viaggi di incontro della Commissione sono state da me personalmente sostenute e devo ancora ricevere gran parte dei rimborsi. Si tratta di un piccolo "disastro" finanziario personale, ma poca cosa rispetto alla bontà di un progetto di salute pubblica (prendete questa come una battuta di fiducia e di speranza... qualcuno direbbe nella magistratura).

Nota: Il Coordinamento Scientifico di Medico e Bambino fa proprie le riflessioni del Direttore, Federico Marchetti.

Vuoi citare questo contributo?

F. Marchetti La politica sul farmaco in Italia: i disastri colposi e i meriti. Medico e Bambino pagine elettroniche 2008;11(6) https://www.medicoebambino.com/?id=CM0806_10.html

Copyright © 2019 - 2019 Medico e Bambino - Via S.Caterina 3 34122 Trieste - Partita IVA 00937070324
redazione: redazione@medicoebambino.com, tel: 040 3728911 fax: 040 7606590
abbonamenti: abbonamenti@medicoebambino.com, tel: 040 3726126

La riproduzione senza autorizzazione è vietata. Le informazioni di tipo sanitario contenute in questo sito Web sono rivolte a personale medico specializzato e non possono in alcun modo intendersi come riferite al singolo e sostitutive dell'atto medico. Per i casi personali si invita sempre a consultare il proprio medico curante. I contenuti di queste pagine sono soggetti a verifica continua; tuttavia sono sempre possibili errori e/o omissioni. Medico e Bambino non è responsabile degli effetti derivanti dall'uso di queste informazioni.

Unauthorised copies are strictly forbidden. The medical information contained in the present web site is only addressed to specialized medical staff and cannot substitute any medical action. For personal cases we invite to consult one's GP. The contents of the pages are subject to continuous verifications; anyhow mistakes and/or omissions are always possible. Medico e Bambino is not liable for the effects deriving from an improper use of the information.