Rivista di formazione e di aggiornamento professionale del pediatra e del medico di base, realizzata in collaborazione con l'Associazione Culturale Pediatri

M&B Pagine Elettroniche

Contributi Originali - Casi contributivi

Un caso di emicrania confusionale
Locatelli C., Ciambra R., Facchini S., Bensa M., Leone V., Moretti V., Pocecco M.
U.O. Pediatra "Ospedale Maurizio Bufalini" - Cesena

Introduzione
L'emicrania può presentarsi in forma atipica come stato confusionale acuto, che raramente può progredire verso un coma di I°-II°grado della GCS. Fondamentali per un corretto inquadramento diagnostico sono un'accurata anamnesi personale e familiare, l'EEG eseguito durante la crisi e l'ex adiuvantibus con un antiemicranico.

Caso clinico
S.N., 12 aa, giunge alla nostra osservazione per comparsa a scuola di un'improvvisa cefalea associata a stato confusionale ed impossibilità a leggere ed a concentrarsi. Durante la visita è disorientata, pallida, sudata, agitata e presenta conati di vomito. Ha un eloquio rallentato, dice frasi senza senso e riferisce una riduzione del visus. La progressione verso uno stato comatoso è rapida: apre gli occhi solo su stimolo verbale e risponde alle domande usando parole inappropriate (coma di I°-II° grado della Glasgow Coma Scale). Sono assenti segni meningei e neurologici focali. PA 120/75 mmHg. Gli indici di flogosi sono negativi; elettroliti, glicemia, funzionalità epatica e renale sono nella norma. La TC cerebrale risulta negativa e l' EEG dimostra un'attività lenta theta e delta diffusa. Valorizzando la storia personale della bambina di precedenti episodi di cefalea di breve durata e l'anamnesi familiare positiva del padre per emicrania, si procede con la somministrazione e.v. di salicilato di lisina 1000 mg e metoclopramide 10 mg, cui segue un rapido miglioramento delle condizioni cliniche. A distanza di un'ora N. è completamente vigile, normoreattiva e ben orientata, ricorda l'accaduto, anche se in modo un po' confuso, e lamenta solo una modesta cefalea in sede bitemporale. L'EEG di controllo, ripetuto dopo cinque ore dall'episodio, dimostra una completa normalizzazione. Formalizziamo quindi la diagnosi di emicrania confusionale.

Discussione
L'emicrania confusionale è una forma atipica di emicrania, caratterizzata principalmente da cefalea associata a stato confusionale, sopore, agitazione e disorientamento, che di rado può rapidamente progredire verso un coma generalmente di I°- II° grado della GCS. A volte possono essere presenti segni neurologici (atassia, nistagmo, allucinazioni…) e disturbi vegetativi (nausea, vomito, ipotensione, aritmie, apnee). In alcuni casi il quadro clinico è dominato da un'amnesia globale transitoria. La crisi può essere precipitata da un trauma cranico, in genere di lieve entità, o da uno stress fisico/psichico intenso e tipicamente si risolve nell'arco di alcune ore. Spesso si evidenzia una storia personale e familiare positiva per emicrania (soprattutto da parte della madre). La immagini neuroradiologiche sono nella norma e l'esame del liquor è negativo. Particolarmente utile è l'EEG che può mostrare la presenza di un tracciato lento diffuso transitorio.

Bibliografia
1. Shaabat A. Confusional migraine in childhood. Pediatr Neurol 1996; 15: 23-25.
2. Pietrini V. et al. Acute confusional migraine: clinical and electroencephalografic aspects. Cephalalgia 1987; 7: 29-37.
3. Haan J. et al. Acute confusional migraine. Case report and review of literature. Clin Neurol Neurosurg 1988; 90: 275-278.
4. Soriani S. et al. Confusional migraine precipitated by mild head trauma. Arch Pediatr Adolesc Med 2000; 154: 90-91.
5. Sheth R.D. et al. Acute confusional migraine: variant of transient global amnesia. Pediatr Neurol 1995; 12: 129-131.
6. Tfelt-Hansen P. et al. The effectiveness of combined oral lysine acetylsalicylate and metoclopramide compared with oral sumatriptan for migraine. Lancet 1995; 346: 923-926.

Vuoi citare questo contributo?

C. Locatelli, R. Ciambra, S. Facchini, M. Bensa, V. Leone, V. Moretti, M. Pocecco Un caso di emicrania confusionale. Medico e Bambino pagine elettroniche 2003;6(6) https://www.medicoebambino.com/?id=CL0306_10.html

Copyright © 2019 - 2019 Medico e Bambino - Via S.Caterina 3 34122 Trieste - Partita IVA 00937070324
redazione: redazione@medicoebambino.com, tel: 040 3728911 fax: 040 7606590
abbonamenti: abbonamenti@medicoebambino.com, tel: 040 3726126

La riproduzione senza autorizzazione è vietata. Le informazioni di tipo sanitario contenute in questo sito Web sono rivolte a personale medico specializzato e non possono in alcun modo intendersi come riferite al singolo e sostitutive dell'atto medico. Per i casi personali si invita sempre a consultare il proprio medico curante. I contenuti di queste pagine sono soggetti a verifica continua; tuttavia sono sempre possibili errori e/o omissioni. Medico e Bambino non è responsabile degli effetti derivanti dall'uso di queste informazioni.

Unauthorised copies are strictly forbidden. The medical information contained in the present web site is only addressed to specialized medical staff and cannot substitute any medical action. For personal cases we invite to consult one's GP. The contents of the pages are subject to continuous verifications; anyhow mistakes and/or omissions are always possible. Medico e Bambino is not liable for the effects deriving from an improper use of the information.