Rivista di formazione e di aggiornamento professionale del pediatra e del medico di base, realizzata in collaborazione con l'Associazione Culturale Pediatri

M&B Pagine Elettroniche

Caso Clinico Interattivo

Un caso di ipertransaminasemia
di Marzia Lazzerini
Clinica Pediatrica, IRCCS Burlo Garofolo, Trieste

1 | 2 | 3 | 4

Il problema del bimbo in questione è un rialzo, abbastanza importante, protratto, delle transaminasi.
Il bimbo ha 17 mesi e questa è la sua storia
  • II° genito nato a termine da parto cesareo (per pregresso cesareo). PN 3270. Allattamento al seno sino all'11° mese. Svezzamento al 5° mese. Sino al 5° mese è stato sempre molto bene.
  • Con l'introduzione di cibi diversi dal latte materno riferisce inappetenza, a volte vomito, a volte diarrea. Dal 10-12° mese si evidenzia addome globoso con epatomegalia (inizialmente lieve), inoltre rallentamento della crescita con deflessione della curva di crescita.
  • A 16 mesi il bimbo viene visto per un controllo e presenta importante epatomegalia, crescita sempre rallentata, peso tra 3°-10° (9.450 gr). Esegue i primi esami: si rileva aumento delle transaminasi (GOT:268; GPT: 221; gamma GT: 37, con CPK nella norma). TTG ed EMA negativi; genetica per celiachia negativa.
  • Ad un controllo di poco successivo ulteriore incremento delle transaminasi: GOT: 790; GPT: 515 gamma GT: 77. Aumento dei trigliceridi (190 mg/dl) e di due valori di glicemia bassi: 51 e 57 mg/dl dopo digiuno protratto.
Tra le cause di ipertransaminasemia persistente l'aumento dei trigliceridi può far pensare ad una diagnosi specifica?
a) No
b)Si

Vuoi citare questo contributo?

M. Lazzerini Un caso di ipertransaminasemia. Medico e Bambino pagine elettroniche 2003;6(8) https://www.medicoebambino.com/?id=CCI0308_11.html