Rivista di formazione e di aggiornamento professionale del pediatra e del medico di base, realizzata in collaborazione con l'Associazione Culturale Pediatri

M&B Pagine Elettroniche

Appunti di Terapia

La lamivudina nel trattamento dell'epatite B cronica
G. Bartolozzi
Dipartimento di Pediatria, Università di Firenze

L'interferon. è l'unico farmaco che fino a oggi ha avuto un discreto effetto sul decorso dell'epatite B cronica. Di recente è stato studiato anche l'effetto della lamivudina (L), un analogo nucleosidico da somministrare per bocca, con risultati promettenti: mancava tuttavia uno studio di lunga durata. Una ricerca del genere è stata riportata di recente (J.L. Dienstag, ER Schiff, TL Wright et al., Lamivudine as initial treatment for chronic hepatitis B in the United States, N Engl J Med 341, 1256-63, 1999) in 143 pazienti con epatite cronica, di cui 66 ricevettero L (100 mg al giorno per bocca per un anno) e 71 fecero parte del gruppo placebo. Dopo un anno di trattamento i pazienti trattati con L presentarono una favorevole risposta istologica epatica nel 52% dei casi, contro il 22% del gruppo placebo, persero l'HBsAg e l'HBeAg dal siero il 32% dei trattati contro l'11%, divennero negativi per l'HBV DNA il 44% contro il 16% e infine i trattati presentarono una normalizzazione prolungata dei livelli di ALT (41% contro il 7%) e una ridotta tendenza alla fibrosi. Nel 17% dei trattati comparvero gli anticorpi contro l'HBeAg. Molte delle risposte favorevoli si mantennero anche a distanza dalla sospensione del trattamento. Viene concluso che la L permette un evidente miglioramento del decorso dell'epatite cronica in una buona percentuale di pazienti. Ad analoghe conclusioni giunge un'importante rassegna sull'argomento (B Jarvis, D Faulds, Lamivudine, a review of its therapeutic potential in chronic hepatitis B, Drugs 58, 101-41, 1999).
Malgrado tutto, però, prevale, in pediatria, l'idea di non trattare l'epatite C cronica. Il recentissimo lavoro su 20 anni di follow up dei cardiopatici operati, infettatisi di epatite C prima dello screening sistematico delle trasfusioni, ha dimostrato che la storia dell'epatite C nel bambino è molto migliore che nell'adulto.

Vuoi citare questo contributo?

G. Bartolozzi La lamivudina nel trattamento dell'epatite B cronica. Medico e Bambino pagine elettroniche 1999;2(10) https://www.medicoebambino.com/?id=AP9910_20.html

Copyright © 2019 - 2019 Medico e Bambino - Via S.Caterina 3 34122 Trieste - Partita IVA 00937070324
redazione: redazione@medicoebambino.com, tel: 040 3728911 fax: 040 7606590
abbonamenti: abbonamenti@medicoebambino.com, tel: 040 3726126

La riproduzione senza autorizzazione è vietata. Le informazioni di tipo sanitario contenute in questo sito Web sono rivolte a personale medico specializzato e non possono in alcun modo intendersi come riferite al singolo e sostitutive dell'atto medico. Per i casi personali si invita sempre a consultare il proprio medico curante. I contenuti di queste pagine sono soggetti a verifica continua; tuttavia sono sempre possibili errori e/o omissioni. Medico e Bambino non è responsabile degli effetti derivanti dall'uso di queste informazioni.

Unauthorised copies are strictly forbidden. The medical information contained in the present web site is only addressed to specialized medical staff and cannot substitute any medical action. For personal cases we invite to consult one's GP. The contents of the pages are subject to continuous verifications; anyhow mistakes and/or omissions are always possible. Medico e Bambino is not liable for the effects deriving from an improper use of the information.