Rivista di formazione e di aggiornamento professionale del pediatra e del medico di base, realizzata in collaborazione con l'Associazione Culturale Pediatri

M&B Pagine Elettroniche

Appunti di Terapia


Il nuovo calendario USA per le vaccinazioni nel 2007
Giorgio Bartolozzi
Membro della Commissione Nazionale Vaccini
Indirizzo per corrispondenza: bartolozzi@unifi.it

Nel fascicolo di gennaio 2007 del Pediatrics (119:207-11) e nell'ultimo fascicolo dell'MMWR del 2006 (55:Q1-Q4) è apparsa la schedula per le vaccinazioni del bambino e dell'adolescente, raccomandata per il 2007 dall'ACIP (Advisory Commettee on Immunization Practices).

Essa si differenzia in molti punti sia dalla schedula USA del 2006, che dal calendario delle vaccinazioni, comparso nell'aprile 2005, all'interno del nostro Piano Nazionale Vaccini 2005-2007, preparato dalla Commissione Nazionale Vaccini.
La novità principale, in confronto alla schedula USA 2006, è rappresentata dalla suddivisione del grafico in due schedule diverse (vedi Figura 1 e 2):
  1. Quella per i bambini da 0 a 6 anni e
  2. Quella dei soggetti da 7 a 18 anni.

Figura 1. Schedula raccomandata per la vaccinazione dei bambini da 0 a 6 anni. Stati Uniti 2007


Esistono inoltre altre 4 importanti novità (evidenziate in rosso):

  1. È stato inserita nella schedula, riportata nella figura 1, la vaccinazione contro i rotavirus, da eseguire a tutti i lattanti, per bocca, all'età di 2, 4 e 6 mesi;
  2. È stata inserita una seconda dose del vaccino contro la varicella, all'età di 4-6 anni
  3. E' stato aggiunto, nella schedula riportata nella figura 2, il vaccino contro i papillomavirus umani per le ragazze dagli 11 ai 12 anni di età. Il vaccino viene somministrato con tre dosi al tempo 0 e dopo 2 e 6 mesi, allo scopo di prevenire il cancro del collo dell'utero e, adoperando la preparazione con 4 tipi (16/18/6/11), i condilomi genitali.
  4. Le età alle quali somministrare la vaccinazione antinfluenzale sono state allargate ai bambini dai 6 mesi ai 59 mesi. Ugualmente il vaccino viene raccomandato per le persone che siano in stretto contatto con bambini di queste età.

Considerazioni personali
Confrontando queste nuove schedule per gli Stati Uniti con la schedula italiana, comparsa nell'aprile 2005, le differenze sono ormai così profonde da far pensare che esse non si riferiscano a individui della stessa specie e con le stesse caratteristiche anatomo-funzionali.
La prima fondamentale differenza risiede nel fatto che negli Stati Uniti ogni anno, regolarmente, alla fine dell'anno (MMWR) o ai primi del nuovo anno (Pediatrics) viene pubblicato il nuovo calendario, valido per l'anno in corso. Al giorno d'oggi le novità nel campo della vaccinazione sono tali e tante che, al limite, potrebbe andar bene anche una nuova schedula ogni sei mesi. Ricordo che la schedula italiana, precedente quella dell'aprile 2005, risaliva al 7 aprile 1999 (cioè a 6 anni prima): siccome il mese di aprile sembra portare bene per la comparsa di un nuovo calendario, speriamo che il prossimo aprile ci porti la nuova schedula nazionale.
Figura 2. Schedula raccomandata per la vaccinazione dei bambini da 7 a 18 anni. Stati Uniti 2007


Delle 4 novità sopra riportate, quella che mi sembra di rilevante importanza riguarda la vaccinazione contro la varicella, che, finalmente, dice una parola definitiva sul numero delle dosi da somministrare di sotto dei 13 anni di età. Da decine di pubblicazioni, tutte statunitensi, è risultato evidente che una sola dose di vaccino contro la varicella, all'età di 13-15 mesi, non è sufficiente per conferire difese immunitarie, tali da impedire la malattia quando siano passati 3-4 anni dalla prima dose e quando l'inoculum virale sia elevato e ripetuto, come avviene in caso di varicella in comunità o in famiglia. Il passaggio da una dose a due dosi è d'altra parte facilitato dalla preparazione dei vaccini quadrivalenti contro morbillo, parotite, rosolia e varicella (MPRV), che, ovviamente, richiedono due dosi; l'intervallo fra la prima e la seconda dose è stato mantenuto uguale a quello, stabilito da anni per il vaccino MPR (cioè prima dose a 13-15 mesi e seconda dose a 4-6 anni), anche se risulta evidente che non conviene lasciare aperta una finestra così grande fra l'una e l'altra dose, per cui da più parti è stato richiesto di avvicinare le due dosi l'una all'altra, limitando l'intervallo a un paio di anni.
Sull'adozione anche in Italia della vaccinazione universale contro i papillomavirus è in atto una discussione a tutti i livelli, nelle diverse Regioni ed è da sperare che al più presto venga presa una decisione in proposito: di grande interesse sarà lo stabilire l'età alla quale iniziare la vaccinazione. Come si vede nella figura 2, negli Stati Uniti è stata indicata l'età da 11 a 12 anni, cioè un'età strettamente pediatrica. Pur ritenendo necessario che l'indicazione per questa vaccinazione preveda un ampio ventaglio di età (da 9 anni a 24 anni), ritengo opportuno che venga previsto anche in Italia che la vaccinazione contro i papillomavirus interessi le classi di età da 10 a 13 anni, anche per la fortissima preparazione, sia teorica che pratica, che i pediatri hanno nell'uso dei vaccini. Sarebbe pericoloso che questa vaccinazione, così piena di significati preventivi fondamentali, venga affidata a categorie sanitarie che si affacciano ora a considerare l'area delle vaccinazioni.
Per la vaccinazione universale contro l'influenza nei bambini da 6 mesi a 5 anni e per la vaccinazione contro i rotavirus, le discussioni e i pareri, spesso assolutamente divergenti, non fanno prevedere rapide soluzioni, di tipo universale, nel nostro Paese.

Vuoi citare questo contributo?

G. Bartolozzi Il nuovo calendario USA per le vaccinazioni nel 2007. Medico e Bambino pagine elettroniche 2007;10(2) https://www.medicoebambino.com/?id=AP0702_60.html

Copyright © 2019 - 2019 Medico e Bambino - Via S.Caterina 3 34122 Trieste - Partita IVA 00937070324
redazione: redazione@medicoebambino.com, tel: 040 3728911 fax: 040 7606590
abbonamenti: abbonamenti@medicoebambino.com, tel: 040 3726126

La riproduzione senza autorizzazione è vietata. Le informazioni di tipo sanitario contenute in questo sito Web sono rivolte a personale medico specializzato e non possono in alcun modo intendersi come riferite al singolo e sostitutive dell'atto medico. Per i casi personali si invita sempre a consultare il proprio medico curante. I contenuti di queste pagine sono soggetti a verifica continua; tuttavia sono sempre possibili errori e/o omissioni. Medico e Bambino non è responsabile degli effetti derivanti dall'uso di queste informazioni.

Unauthorised copies are strictly forbidden. The medical information contained in the present web site is only addressed to specialized medical staff and cannot substitute any medical action. For personal cases we invite to consult one's GP. The contents of the pages are subject to continuous verifications; anyhow mistakes and/or omissions are always possible. Medico e Bambino is not liable for the effects deriving from an improper use of the information.