Rivista di formazione e di aggiornamento professionale del pediatra e del medico di base, realizzata in collaborazione con l'Associazione Culturale Pediatri

M&B Pagine Elettroniche

Appunti di Terapia

Il rituximab nella cura dei pazienti con artrite reumatoide
di G.Bartolozzi

Nei fascicoli elettronici di Medico e Bambino di giugno e luglio 2003 è stato fatto il punto sui più moderni trattamenti dell'artrite cronica giovanile e dell'artrite reumatoide dell'adulto.
Contemporaneamente è comparsa una pubblicazione (Edwards JCW, Szczepansli L, Szechinski J et al. Efficacy of B-cell-targeted therapy with rituximab in patients with rheumatoid arthritis. N Engl J Med 2004, 350:2572-81) riguardante l'uso del rituximab da solo o in associazione con ciclofosfamide o con metotrexato nella cura di soggetti adulti con artrite reumatoide. Il rituximab è un anticorpo monoclonale chimerico anti-CD20; il CD20 è un antigene di superficie delle cellule B che viene espresso soltanto nelle cellule pre-B e nelle cellule B mature. Non si trova sulle cellule staminali ed è perduto prima del passaggio da cellule B a plasmacellule. Quindi il rituximab causa un impoverimento selettivo e transitorio della sottopopolazione di cellule B CD20 positive.
Che le cellule B giochino un ruolo critico nell'artrite reumatoide è sostenuto da molti.
I 161 pazienti arruolati hanno tutti più di 21 anni (media 54 anni) e presentano una malattia reumatoide attiva, nonostante molti tentativi di trattamento: essi appartengono a 11 centri Australiani, Canadesi, Israeliani ed Europei).
Essi sono stati suddivisi in 4 bracci:
  • Metotrexato per bocca: ≥ 10 mg per settimana
  • Rituximab: 1000 mg al giorno 1 e al giorno 15
  • Rituximab + ciclofosfamide: 750 mg al giorno 3 e al giorno 17
  • Riruximab + metotrexato.
Una valutazione, secondi criteri EULAR è stata fatta alle 24 e alle 48 settimane.
Nei pazienti con artrite reumatoide attiva nonostante il trattamento con metotrexato, la somministrazione di due infusioni di rutiximab, da sole o in combinazione con la ciclofosfamide o con la prosecuzione del metotrexato, fornisce un significativo miglioramento dei sintomi della malattia sia alla 24° che alla 48° settimana.
La maggioranza degli eventi avversi (infezioni) comparve alla prima somministrazione di rutiximab. La concentrazione di immunoglobuline nel sangue periferico rimase nelle quantità normali durante e dopo il trattamento.
E' presto per dire se questo tipo di trattamento potrà essere usato nella cura dell'artrite cronica giovanile del bambino e dell'adolescente; il rischio pro-infettivo è evidente ed è necessaria una sua valutazione esatta.
La ricerca è stata sostenuta dalla Azienda Roche e uno degli autori lavora presso la stessa Azienda.

Vuoi citare questo contributo?

G. Bartolozzi Il rituximab nella cura dei pazienti con artrite reumatoide. Medico e Bambino pagine elettroniche 2004;7(8) https://www.medicoebambino.com/?id=AP0408_10.html

Copyright © 2019 - 2019 Medico e Bambino - Via S.Caterina 3 34122 Trieste - Partita IVA 00937070324
redazione: redazione@medicoebambino.com, tel: 040 3728911 fax: 040 7606590
abbonamenti: abbonamenti@medicoebambino.com, tel: 040 3726126

La riproduzione senza autorizzazione è vietata. Le informazioni di tipo sanitario contenute in questo sito Web sono rivolte a personale medico specializzato e non possono in alcun modo intendersi come riferite al singolo e sostitutive dell'atto medico. Per i casi personali si invita sempre a consultare il proprio medico curante. I contenuti di queste pagine sono soggetti a verifica continua; tuttavia sono sempre possibili errori e/o omissioni. Medico e Bambino non è responsabile degli effetti derivanti dall'uso di queste informazioni.

Unauthorised copies are strictly forbidden. The medical information contained in the present web site is only addressed to specialized medical staff and cannot substitute any medical action. For personal cases we invite to consult one's GP. The contents of the pages are subject to continuous verifications; anyhow mistakes and/or omissions are always possible. Medico e Bambino is not liable for the effects deriving from an improper use of the information.