Rivista di formazione e di aggiornamento professionale del pediatra e del medico di base, realizzata in collaborazione con l'Associazione Culturale Pediatri

M&B Pagine Elettroniche

Appunti di Terapia

La resistenza del Mycobacterium tuberculosis ai farmaci antitubercolari
G. Bartolozzi
Indirizzo per corrispondenza:bartolozzi@unifi.it

Il vaccino contro la malattia di Lyme è efficace anche nei soggetti da 4 a 18 anni di età
Un vaccino contro la malattia di Lyme, costituito dalla proteina A ricombinante della superficie esterna (OspA) della Borrelia burgdorferi si è dimostrato utile nell'adolescente in età superiore ai 15 anni e nell'adulto. Ma il suo uso era limitato al di sotto di questa età, per mancanza di esperienze. Con un vaccino preparato dalla SmithKline Beecham (LYMErix) è stato condotto uno studio in 4.087 bambini e adolescenti in età fra 4 e 18 anni (VK Sikand et al., Pediatrics 2001, 108:123-8), dei quali 301 parteciparono alla determinazione dell'immunogenicità. Dei 4.087 bambini, 3.063, scelti a caso, ricevettero 30 mg di vaccino, e 1.024 ricevettero il placebo, al tempo 0, 1 e 12 mesi.
Gli effetti collaterali vennero suddivisi in locali (arrossamento, tumefazione e dolore) e generali (febbre, cefalea, stanchezza, artralgia ed esantema): le risposte furono sollecitate o comunicate spontaneamente. I campioni di sangue, per studiare le risposte immunologiche al vaccino, furono prese al tempo 0, a 2, 6, 12 e 13 mesi.
La reattogenicità fu più frequente nei soggetti vaccinati, sia come reazioni locali che generali, in confronto al placebo. Tuttavia la maggioranza dei sintomi e dei segni fu del tipo lieve-moderato ed ebbe una durata di tempo limitata.
I titoli medi geometrici di IgG anti-OspA nei bambini vaccinati risultarono al 13° mese superiori a quelli riscontrati nell'adulto (27.485 unità ELISA nel bambino contro 8.216 nell'adulto). Tutti i bambini vaccinati presentarono un livello anticorpale uguale o superiore a 1.400 unità ELISA, in confronto a solo il 90% degli adulti.
Viene concluso che il vaccino, quando somministrato secondo la schedula 0, 1 e 12 mesi, è ben tollerato e immunogenico nei bambini.
Gli elevati livelli di anticorpi riscontrati fanno pensare che il vaccino fornisca protezione contro l'infezione da Borrelia burgdorferi.

Vuoi citare questo contributo?

G. Bartolozzi La resistenza del Mycobacterium tuberculosis ai farmaci antitubercolari. Medico e Bambino pagine elettroniche 2001;4(7) https://www.medicoebambino.com/?id=AP0107_10.html