Rivista di formazione e di aggiornamento professionale del pediatra e del medico di base, realizzata in collaborazione con l'Associazione Culturale Pediatri

M&B Pagine Elettroniche

Appunti di Terapia

La resistenza del Mycobacterium tuberculosis ai farmaci antitubercolari
G. Bartolozzi
Indirizzo per corrispondenza:bartolozzi@unifi.it

Una ricerca condotta dall'Organizzazione Mondiale della Sanità in 35 aree geografiche ha dimostrato che la tubercolosi (TBC) farmaco-resistente è presente in ogni Paese. Questa ricerca è stata di recente allargata per controllare l'andamento nel tempo del fenomeno della resistenza, fra il 1996 e il 1999 (Espinal MA et al., N Engl J Med 2001, 344:1294-303). I dati si riferiscono a 58 aree geografiche.
Per pazienti alla diagnosi di TBC, la frequenza della resistenza ad almeno uno dei farmaci antitubercolari va dall'1,7% in Uruguay al 36,9% in Estonia (mediana 10,7%). La prevalenza è aumentata in Estonia dal 28,2% nel 1994 al 36,9% del 1998 (P=0,01) e in Danimarca dal 9,9% del 1995 al 13,1% del 1998 (P=0,02). La prevalenza media di multifarmaco-resistenza fra i nuovi casi di TBC fu solo dell'1%, ma essa fu molto elevata in Estonia (14,1%), in Cina (10,8% nella provincia Henan), in Russia (9,0% a Ivanovo e 6,5% a Tomsk), in Iran (5%), e nella provincia di Zhejiang in Cina (4,5%). In Francia e in USA vi fu al contrario una significativa diminuzione della multiresistenza.
Viene concluso che la multifarmaco-resistenza continua a essere una grave problema per alcuni Paesi dell'est europeo e in Cina.
In Italia i dati si riferiscono a meno della metà del Paese (tutti gli altri Paesi europei riportano dati riguardanti tutto il territorio nazionale) riportano una TBC suscettibile ai farmaci nell'87,7% e una TBC resistente nel 12,3%; una multifarmaco-resistenza è stata riscontrata nell'1,2%. Fra i diversi farmaci, la più diffusa è risultata la resistenza alla streptomicina, all'isoniazide e all'etambutolo. A parte la Estonia, la Lituania, la Russia e la Danimarca, il nostro Paese ha la più alta percentuale di farmaco-resistenza. Se si vanno a calcolare i dati della resistenza fra i soggetti con TBC già precedentemente trattata risulta che in Italia la sensibilità risulta del 39,4% contro il 60,6% della farmaco-resistenza a uno o più farmaci. Poiché la TBC multifarmaco-resistente si associa a un'elevata percentuale d'insuccessi terapeutici e a morte , per cui è più difficile e più costosa da trattare, la situazione in questi Paesi si sta progressivamente aggravando e rappresenta un peso notevole per i sistemi sanitari delle varie aree.

Vuoi citare questo contributo?

G. Bartolozzi La resistenza del Mycobacterium tuberculosis ai farmaci antitubercolari. Medico e Bambino pagine elettroniche 2001;4(6) https://www.medicoebambino.com/?id=AP0106_30.html

Copyright © 2019 - 2019 Medico e Bambino - Via S.Caterina 3 34122 Trieste - Partita IVA 00937070324
redazione: redazione@medicoebambino.com, tel: 040 3728911 fax: 040 7606590
abbonamenti: abbonamenti@medicoebambino.com, tel: 040 3726126

La riproduzione senza autorizzazione è vietata. Le informazioni di tipo sanitario contenute in questo sito Web sono rivolte a personale medico specializzato e non possono in alcun modo intendersi come riferite al singolo e sostitutive dell'atto medico. Per i casi personali si invita sempre a consultare il proprio medico curante. I contenuti di queste pagine sono soggetti a verifica continua; tuttavia sono sempre possibili errori e/o omissioni. Medico e Bambino non è responsabile degli effetti derivanti dall'uso di queste informazioni.

Unauthorised copies are strictly forbidden. The medical information contained in the present web site is only addressed to specialized medical staff and cannot substitute any medical action. For personal cases we invite to consult one's GP. The contents of the pages are subject to continuous verifications; anyhow mistakes and/or omissions are always possible. Medico e Bambino is not liable for the effects deriving from an improper use of the information.