Rivista di formazione e di aggiornamento professionale del pediatra e del medico di base, realizzata in collaborazione con l'Associazione Culturale Pediatri

M&B Pagine Elettroniche

Appunti di Terapia

Rischio di sindrome di Guillain-Barré dopo vaccinazione contro morbillo, parotite e rosolia
G. Bartolozzi
Indirizzo per corrispondenza:bartolozzi@unifi.it

Dopo l'eliminazione della polio, con la vaccinazione, la sindrome di Guillain-Barré (SGB), una polineuropatia autoimmune, è divenuta la più comune causa di paralisi flaccida degli arti inferiori. L'incidenza annuale della SGB nei bambini in età inferiore ai 15 anni è risultata in Finlandia di 0,38 casi per 100.000 bambini e di 0,91 su 100.000 in America latina.
La patogenesi della SGB non è chiara: fra le cause che la possono scatenare sono state riscontrate varie infezioni virali e batteriche, fra le quali più frequente la gastroenterite acuta daCampylobacter jejuni.
Per la natura infettiva della malattia, anche i vaccini sono stati sospettati più volte di essere causa della SGB. I risultati di studi sulla SGB in relazione ai vaccini monovalenti o combinati contro morbillo, parotite e rosolia (MPR), vaccino dell'influenza, vaccino antipolio e anatossina tetanica e difterica hanno dato risultati controversi. Un Comitato USA ha concluso tuttavia che ci sono prove insufficienti per accettare o rigettare una relazione causale fra vaccinazione MPR e SGB.
Un recente studio finlandese ha considerato il problema sulla base di uno studio retrospettivo (Patja A et al., J Pediatr 2001, 138:250-4). Dal 1982 due dosi di MPR vennero somministrate a un elevato numero di bambini a 14-18 mesi e a 6 anni di età, con una copertura superiore al 95%.
Vennero raccolti i dati relativi a tutti i pazienti ospedalizzati in Finlandia con diagnosi di SGB fra il 1982 e il 1986. In questo periodo vennero ricoverati 189 pazienti per la cura della SGB; nel frattempo 630.000 bambini ricevettero circa 900.000 dosi di vaccino. 20 dei 24 pazienti che si trovavano in età al di sotto dei 12 anni, erano stati vaccinati: dall'esame dei singoli casi è risultato che la vaccinazione MPR non aumenta l'incidenza della SGB e che non è stata notata una concentrazione di casi di SGB a qualsiasi distanza di tempo dalla vaccinazione MPR. L'intervallo di tempo dalla vaccinazione superò in tutti i bambini il periodo di rischio da tutti indicato, cioè quello delle 6 settimane, perché l'intervallo variò da 80 giorni in un caso fino a qualche anno in altri.
Molto importante il rilievo che la vaccinazione MPR dopo la guarigione dalla SGB non determinò in alcun caso una ricaduta della malattia. Un'infezione delle vie aeree o dell'apparato gastro-intestinale precedette l'inizio della SGB da 3 a 30 giorni in 20 (83%) dei 24 pazienti.
Viene concluso che non sembra esistere un'associazione causale fra vaccinazione MPR e SGB.

Vuoi citare questo contributo?

G. Bartolozzi Rischio di sindrome di Guillain-Barré dopo vaccinazione contro morbillo, parotite e rosolia. Medico e Bambino pagine elettroniche 2001;4(5) https://www.medicoebambino.com/?id=AP0105_20.html

Copyright © 2019 - 2019 Medico e Bambino - Via S.Caterina 3 34122 Trieste - Partita IVA 00937070324
redazione: redazione@medicoebambino.com, tel: 040 3728911 fax: 040 7606590
abbonamenti: abbonamenti@medicoebambino.com, tel: 040 3726126

La riproduzione senza autorizzazione è vietata. Le informazioni di tipo sanitario contenute in questo sito Web sono rivolte a personale medico specializzato e non possono in alcun modo intendersi come riferite al singolo e sostitutive dell'atto medico. Per i casi personali si invita sempre a consultare il proprio medico curante. I contenuti di queste pagine sono soggetti a verifica continua; tuttavia sono sempre possibili errori e/o omissioni. Medico e Bambino non è responsabile degli effetti derivanti dall'uso di queste informazioni.

Unauthorised copies are strictly forbidden. The medical information contained in the present web site is only addressed to specialized medical staff and cannot substitute any medical action. For personal cases we invite to consult one's GP. The contents of the pages are subject to continuous verifications; anyhow mistakes and/or omissions are always possible. Medico e Bambino is not liable for the effects deriving from an improper use of the information.