Maggio 2021 - Volume XL - numero 5

Medico e Bambino


Problemi correnti

Ginocchio valgo punto per punto: quello che deve sapere il pediatra

Maria Rita L. Genovese1,2, Francesca Vittoria3, Raffaele Grasso1,2, Egidio Barbi1,2, Marco Carbone3

1Università di Trieste
2Clinica Pediatrica, 3SC di Ortopedia, Traumatologia Pediatrica e Centro per il trattamento della Scoliosi, IRCCS Materno-Infantile “Burlo Garofolo”, Trieste

Indirizzo per corrispondenza: genovese.mariarita@gmail.com

Knee valgus: what paediatricians should know

Key words: Knee valgus, Growth-guided hemiepiphysiodesis, Physiological variants

Knee valgus is one of the most frequent paediatric orthopaedic problems based on the evaluation by the paediatricians. Most cases are physiological variants that resolve spontaneously with growth, however pathological cases require surgical treatment. Therefore, the paediatrician must know how to distinguish between the two entities from the beginning, sending the child to the specialist when necessary, thus respecting the correct timing for treatment. The most frequent condition is idiopathic knee valgus, which occurs when the physiological variant persists after the age of 8 without spontaneous resolution. Children who always need specialist evaluation are those who on physical examination show a tibiofemoral angle greater than 15° with an intermalleolar distance of about 10 cm that persists beyond 10 years of age. The gold standard treatment in these children is growth-guided hemiepiphysiodesis, namely a simple and minimally invasive procedure that reshapes the altered angle of the knees through the application of the 8-plate. The correction is based on the presence of residual growth of the physical cartilages, therefore it should not be performed too late, but not before 10 years of age.

Il ginocchio valgo è uno dei problemi ortopedici pediatrici più frequenti che giungono all'attenzione dei pediatri. La maggior parte dei casi sono varianti fisiologiche che si risolvono spontaneamente con la crescita, tuttavia ci sono casi patologici che richiedono un trattamento chirurgico. Il pediatra, quindi, deve saper distinguere fin dall'inizio tra le due entità e inviando il bambino dallo specialista quando necessario. La condizione più frequente è quella idiopatica che si manifesta quando la variante fisiologica persiste dopo gli 8 anni senza risoluzione spontanea. I bambini che necessitano di una valutazione specialistica sono quelli che all'esame obiettivo mostrano un angolo tibiofemorale maggiore di 15° con una distanza intermalleolare di circa 10 cm, che persiste oltre i 10 anni di età. Il trattamento gold standard in questi bambini è l'emiepifisiodesi guidata dalla crescita, ovvero una procedura semplice e minimamente invasiva che rimodella l'angolo alterato delle ginocchia attraverso l'applicazione della 8-plate. La correzione si basa sul marginea di crescita residuo delle cartilagini, quindi non deve essere eseguita troppo tardi, ma non prima dei 10 anni di età.

Vuoi citare questo contributo?

Genovese MRL, Vittoria F, Grasso R, Barbi E, Carbone M . Ginocchio valgo punto per punto: quello che deve sapere il pediatra. Medico e Bambino 2021;40(5):303-307 DOI: https://doi.org/10.53126/MEB40303


L'accesso è riservato agli abbonati alla rivista che si siano registrati.
Per accedere all'articolo in formato full text è necessario inserire username e password.
Puoi accedere all'articolo abbonandoti alla rivista (link). Per acquistare l'articolo contattare la redazione all'indirizzo redazione@medicoebambino.com.

Username
Password