Giugno 2018 - Volume XXXVII - numero 6

Medico e Bambino


Percorsi clinici

Due casi di favismo: dalla diagnosi alla gestione

Claudia Guiducci*, Adriana Fumarola*, Sara Pusceddu, Caterina Radice, Federico Marchetti

UOC di Pediatria e Neonatologia, Ospedale di Ravenna, AUSL della Romagna
*Scuola di Specializzazione in Pediatria, Università di Ferrara

Indirizzo per corrispondenza: federico.marchetti@auslromagna.it

Two cases of favism: from diagnosis to management

Key words: G6PD deficiency, Red blood cells enzymopathy, Acute haemolytic anaemia, Oxidative stress

Glucose-6-phosphate dehydrogenase deficiency (G6PD) is the most common red blood cells enzymopathy that affects 400 million people worldwide and is especially prevalent in areas of high malaria infection. G6PD deficiency has an X-linked recessive mode of inheritance and most known mutations in the G6PD gene decrease the enzyme stability. Oxidative stress, e.g. ingestion of fava beans, can induce acute haemolytic anaemia in affected individuals. The paper describes the case of two 6-month and 5-year-old male children with an acute haemolytic crisis due to the ingestion of fava beans. Due to increased immigration, the condition is expected to occur more often in Italian healthcare centres.

Vuoi citare questo contributo?

C. Guiducci, A. Fumarola, S. Pusceddu, C. Radice, F. Marchetti Due casi di favismo: dalla diagnosi alla gestione. Medico e Bambino 2018;37(6):379-383 https://www.medicoebambino.com/?id=1806_379.pdf


L'accesso è riservato agli abbonati alla rivista che si siano registrati.
Per accedere all'articolo in formato full text è necessario inserire username e password.

Username
Password





Favismo
Gent. Medico e Bambino,
come sempre grazie per le informazioni ricche e aggiornate. Mi permetto di fare una correzione piccola piccola, un po’ per gioco.
Nell’ultimo numero, nel bell’articolo sul favismo, avete inserito il nome arabo delle fave.
Da qualche tempo mi diverto a studiare un po’ di arabo (ho una nipotina italo-tunisina, e ho molto condiviso l’articolo sui nidi...).
Ebbene, la lingua araba chiarissima, l’arabo standard, si legge da destra a sinistra e le lettere cambiano forma a seconda di come sono legate. Perciò la grafia corretta è al seguente link, https://www.medicoebambino.com/lib/favismo.png, letto da destra; a quanto so si usa per fave e fagioli, e ricorda molto i nostri “fasule” dei dialetti del Sud.
Esiste però anche un'altra parola, "fuul" (grafia al link: https://www.medicoebambino.com/lib/fave.jpg), e probabilmente per fave è più corretto. L’arabo ha molte varianti dialettali...

Faccio questa precisazione perché ovviamente non sono in grado di farvi appunti dal punto di vista scientifico!
Andrò presto in pensione e mi metterò a studiare seriamente l’arabo. Ma continuerò a leggere M&B.


Maria Giovanna Stabile
Pediatra
gioved�, 23 Agosto 2018, ore 12:18

L'immissione di nuovi contenuti è riservata ai soli utenti registrati