MeB Pagine Elettroniche
a cura della redazione di MeB Pagine Elettroniche
Volume XXI
Settembre 2018
numero 7
I POSTER DEGLI SPECIALIZZANDI


Il binomio rivelatore: neutropenia e reticolo venoso marcato
Giada Zanella
Scuola di Specializzazione in Pediatria, Università di Trieste
Indirizzo per corrispondenza: giagiada@gmail.com


Bambina di 5 anni con sospetta sindrome giunge alla nostra attenzione per inquadramento diagnostico. Nata da genitori consanguinei a 33+6 settimane di gestazione da taglio cesareo in urgenza con peso e lunghezza al 3° percentile, circonferenza cranica < 3° percentile; perinatalità complicata da ipertensione polmonare, sindrome da distress respiratorio con necessità di intubazione e ventilazione meccanica e sepsi a verosimile partenza dalle vie urinarie.
Riscontro di cardiopatia congenita (difetto interatriale con shunt sinistro-destro, lieve insufficienza tricuspidalica e ring vascolare), attualmente in compenso emodinamico, e displasia renale. Alla nascita sospettata sindrome adrenogenitale per ipertrofia clitoridea e iperpigmentazione delle piccole labbra, poi negata. Operata di ernia inguinale bilaterale.
La bambina presenta una storia di infezioni cutanee e stomatiti ricorrenti e modesto ritardo psicomotorio e del linguaggio. Gli esami ematici eseguiti nel corso degli anni mostrano una neutropenia lieve ricorrente e una flogosi cronica con anemia lieve, piastrinosi, ipergammaglobulinemia policlonale, iperfibrinogenemia, VES e PCR persistentemente elevate.
Obiettivamente ha una facies peculiare con tratti dismorfici e ptosi palpebrale destra. Ciò che colpisce è la magrezza estrema, come nelle lipodistrofie, e il reticolo venoso marcato evidente al capo, al tronco e agli arti. Gli esami eseguiti durante il ricovero negano un malassorbimento, una malattia infiammatoria cronica intestinale, autoimmunità o una infezione cronica virale, confermando la flogosi cronica e la lieve neutropenia; si rileva anche un basso HDL, iniziale proteinuria e valori pressori ai limiti superiori. L’ecografia dell’addome mostra un fegato aumentato di dimensioni, a ecostruttura disomogenea di possibile origine infiammatoria o da esiti fibrotici, come conferma la biopsia epatica. Neutropenia e reticolo venoso marcato costituiscono il binomio classico del deficit di G6PC3: valorizzando tali elementi, viene eseguito un aspirato midollare, non patognomonico, e avviata l’analisi genetica, che confermerà la presenza di mutazione omozigote del gene G6PC3.
Si tratta di una malattia rara, a trasmissione autosomica recessiva, di cui sono descritti meno di 100 casi al mondo e comporta un quadro polimalformativo, neutropenia di entità variabile, disordini endocrinologi e disregolazione immunitaria, con flogosi cronica e aumentato rischio di malattie infiammatorie croniche intestinali. Non esiste una terapia specifica, se non i fattori di crescita granulocitari nelle forme di neutropenia severa, e trattamento di supporto.



Vuoi citare questo contributo?
G. Zanella. IL BINOMIO RIVELATORE: NEUTROPENIA E RETICOLO VENOSO MARCATO. Medico e Bambino pagine elettroniche 2018; 21(7) https://www.medicoebambino.com/?id=PSR1807_40.html




La riproduzione senza autorizzazione è vietata. Le informazioni di tipo sanitario contenute in questo sito Web sono rivolte a personale medico specializzato e non possono in alcun modo intendersi come riferite al singolo e sostitutive dell'atto medico. Per i casi personali si invita sempre a consultare il proprio medico curante. I contenuti di queste pagine sono soggetti a verifica continua; tuttavia sono sempre possibili errori e/o omissioni. Medico e Bambino non è responsabile degli effetti derivanti dall'uso di queste informazioni.

Unauthorised copies are strictly forbidden. The medical information contained in the present web site is only addressed to specialized medical staff and cannot substitute any medical action. For personal cases we invite to consult one's GP. The contents of the pages are subject to continuous verifications; anyhow mistakes and/or omissions are always possible. Medico e Bambino is not liable for the effects deriving from an improper use of the information.