MeB Pagine Elettroniche
a cura della redazione di MeB Pagine Elettroniche
Volume XXI
Febbraio 2018
numero 2
I POSTER DEGLI SPECIALIZZANDI


La tracheite batterica e l’influenza
Paola Pascolo1, Dušanka Lepej2, Uroš Krivec2
1Scuola di Specializzazione in Pediatria, Università di Trieste
2Department of Pulmonology, University Children’s Hospital, Ljubljana (Slovenia)
Indirizzo per corrispondenza: paolapascolo@gmail.com


Marco, 9 anni, da qualche giorno è raffreddato e presenta una tosse secca, talvolta abbaiante. Quando arriva in Pronto Soccorso è clinicamente molto impegnato, tachidispnoico, con importante stridor. Viene immediatamente trattato con adrenalina e corticosteroidi dapprima ev quindi inalatori, con stabilizzazione del quadro clinico ma senza un franco miglioramento; per questo il bambino viene trattenuto in Osservazione. In seconda giornata di ospedalizzazione si osserva un peggioramento del quadro clinico, febbre, desaturazione e necessità di ripetere frequentemente l’aerosol di adrenalina. Gli esami ematici mostrano una leucocitosi neutrofila (GB 16.700/mm3 di cui N 14.000/mm3) e modesto rialzo degli indici di flogosi (7,4 mg/dl).
La radiografia del torace è diagnostica: evidenzia chiaramente un restringimento circolare del lume tracheale a livello di C5-C6, compatibile (considerata la clinica) con al diagnosi di tracheite batterica (Figura 1).

Figura 1. La radiografia del torace è suggestiva di un restringimento subglottico a livello di C5-C6.


Dopo l’avvio di terapia antibiotica endovenosa (amoxicillina + clavulanato) il quadro clinico si è stabilizzato e progressivamente migliorato, il bambino non ha necessitato di intubazione ed è stato dimesso dopo 6 giorni di ospedalizzazione. Dal tampone nasofaringeo è stato isolato il virus dell’influenza A e il bambino, considerato la gravità del quadro clinico, ha ricevuto trattamento antivirale specifico. Le colture invece sono rimaste negative.

La tracheite batterica è responsabile del 5-14% dei ricoveri in Terapia Intensiva per ostruzione delle alte vie respiratorie. È una condizione rara, a esordio estremamente acuto, con necessità di ricorrere all’intubazione fino al 50% dei casi e un modesto rischio di mortalità. In assenza di tracheostomia, generalmente insorge come sovrainfezione batterica in corso di infezione virale (nella popolazione pediatrica complica circa il 2% dei casi di influenza). Dopo l’introduzione del vaccino contro Haemophilus influenzae tipo B, gli agenti eziologici più frequentemente coinvolti sono Staphylococcus aureus, Streptococcus pneumoniae e Haemophilus influenzae non tipizzabile, e il decorso clinico è meno drammatico (tracheite essudativa). Il picco di presentazione è generalmente tra i 3 e gli 8 anni, con quadro clinico generalmente più grave nei più piccoli. Per conferma diagnostica sarebbe necessaria una laringoscopia profonda o una broncoscopia, ma alle volte è sufficiente una radiografia, come nel nostro caso. Talvolta la broncoscopia è indicata con trattamento per rimuovere le pseudomembrane.

Take home message
Bisogna pensare sempre a una tracheite batterica in una laringite che non migliora con adeguata terapia o con presentazione simil-settica. E quando il sospetto è forte il caso va condiviso con i colleghi anestesisti.



Vuoi citare questo contributo?
P. Pascolo, D. Lepej, U. Krivec. LA TRACHEITE BATTERICA E L’INFLUENZA. Medico e Bambino pagine elettroniche 2018; 21(2) https://www.medicoebambino.com/?id=PSR1802_30.html




La riproduzione senza autorizzazione è vietata. Le informazioni di tipo sanitario contenute in questo sito Web sono rivolte a personale medico specializzato e non possono in alcun modo intendersi come riferite al singolo e sostitutive dell'atto medico. Per i casi personali si invita sempre a consultare il proprio medico curante. I contenuti di queste pagine sono soggetti a verifica continua; tuttavia sono sempre possibili errori e/o omissioni. Medico e Bambino non è responsabile degli effetti derivanti dall'uso di queste informazioni.

Unauthorised copies are strictly forbidden. The medical information contained in the present web site is only addressed to specialized medical staff and cannot substitute any medical action. For personal cases we invite to consult one's GP. The contents of the pages are subject to continuous verifications; anyhow mistakes and/or omissions are always possible. Medico e Bambino is not liable for the effects deriving from an improper use of the information.