MeB Pagine Elettroniche
a cura della redazione di MeB Pagine Elettroniche
Volume XX
Ottobre 2017
numero 8
I POSTER DEGLI SPECIALIZZANDI


Un ospite inatteso: una rickettsia
Francesca Lorenzoni, Cecilia Maria Pini, Rita Consolini
Sezione di Immunologia Clinica e di Laboratorio, Ambulatorio di Reumatologia, Azienda Ospedaliera-Universitaria Pisana; Scuola di Specializzazione in Pediatria, Università di Pisa
Indirizzo per corrispondenza: francesca.lorenzoni@live.it


Elena, 7 anni, da circa una settimana lamenta artralgie agli arti inferiori poi localizzatesi alla caviglia destra, associate a un’eruzione cutanea a carico dei quattro arti. Alcuni giorni prima la bambina aveva presentato febbre elevata, diarrea e faringodinia con aftosi orale. Per l’ingravescenza delle artralgie e la comparsa di zoppia viene eseguita una visita reumatologica.
All’esame obiettivo, sulla cute rosea e normoelastica si osserva un esantema apparentemente petecchiale. L’esame obiettivo generale e articolare è per il resto negativo, eccetto che per una modesta tumefazione a carico della caviglia destra, che appare dolorabile alla mobilizzazione attiva e passiva. Si eseguono esami ematochimici e si imposta una terapia antinfiammatoria con ibuprofene. Gli esami ematici generali risultano nella norma. A orientare la diagnosi è la reazione di Weil-Felix, risultata positiva (titolo 1:160) e indicativa di probabile infezione da Rickettsia.
Si imposta terapia antibiotica con claritromicina per 10 giorni e si rivaluta la bambina alla ricerca di un’eventuale porta di ingresso per la rickettsia veicolata, generalmente, dalla comune zecca del cane. Si riscontra infatti una escara di circa 0,5 cm a livello del fianco sinistro, senza però evidenza di zecca in sede.

La rickettiosi da Rickettsia conorii è una delle più frequenti zoonosi del bacino del Mediterraneo che si manifesta con la classica triade clinica: febbre elevata, esantema maculopapulare ed escara di inoculo (tache noir). La diagnosi è sierologica e la terapia, per quanto talvolta superflua, si avvale di antibiotici ad azione intracellulare (doxiciclina, macrolidi o cloramfenicolo).



Vuoi citare questo contributo?
F. Lorenzoni, C.M. Pini, R. Consolini. UN OSPITE INATTESO: UNA RICKETTSIA. Medico e Bambino pagine elettroniche 2017; 20(8) https://www.medicoebambino.com/?id=PSR1708_20.html




La riproduzione senza autorizzazione è vietata. Le informazioni di tipo sanitario contenute in questo sito Web sono rivolte a personale medico specializzato e non possono in alcun modo intendersi come riferite al singolo e sostitutive dell'atto medico. Per i casi personali si invita sempre a consultare il proprio medico curante. I contenuti di queste pagine sono soggetti a verifica continua; tuttavia sono sempre possibili errori e/o omissioni. Medico e Bambino non è responsabile degli effetti derivanti dall'uso di queste informazioni.

Unauthorised copies are strictly forbidden. The medical information contained in the present web site is only addressed to specialized medical staff and cannot substitute any medical action. For personal cases we invite to consult one's GP. The contents of the pages are subject to continuous verifications; anyhow mistakes and/or omissions are always possible. Medico e Bambino is not liable for the effects deriving from an improper use of the information.