campagna abbonamenti
MeB Pagine Elettroniche
a cura della redazione di MeB Pagine Elettroniche
Volume XIX
Dicembre 2016
numero 10
I POSTER DEGLI SPECIALIZZANDI


Una porpora (per nulla) spaventosa
Simone Carbogno
Scuola di specializzazione in Pediatria, Università La Sapienza di Roma
Indirizzo per corrispondenza: simone.carbogno@yahoo.it


Gabriele ha 10 mesi e giunge in PS per la comparsa improvvisa di un esantema emorragico al volto e ai quattro arti (Figure 1-2).


Figura 1. Esantema emorragico al volto.



Figura 2. Esantema emorragico agli arti.



Il bambino presenta febbricola (37,5 °C) dal giorno precedente e assume amoxicillina + acido clavulanico da 4 giorni. L’esantema è caratterizzato da elementi medio-grandi, rilevati, purpurici, non pruriginosi, al volto e ai quattro arti, con piccoli elementi anche al tronco e qualche petecchia sulla mucosa orofaringea. Per il resto è un bambino che sta bene: parametri vitali nella norma, refill < 2”, PLT 242.000/mm3, GB 23.980/mm3 con L 60,3%, PCR 1,69 mg/dl, esame urine negativo, coagulazione nella norma. Gabriele viene dimesso per il migliorare dell’esantema dopo un’osservazione di quattro giorni. Al controllo della settimana successiva il bambino sta bene, è apiretico, la porpora è scomparsa; non ci riferisce alcuna recrudescenza dell’esantema né la comparsa di altri sintomi. Gabriele ha presentato un edema emorragico acuto dell’infanzia e può tornare a casa senza la necessità di terapia né follow-up.

L’edema emorragico acuto dell’infanzia è una rara vasculite leucocitoclasica caratteristica dei primi 2 anni di vita. L’esordio si distingue per la comparsa improvvisa di un esantema emorragico palpabile al volto e ai 4 arti e meno frequentemente al tronco, in un bambino che sta bene o presenta febbre; gli elementi sono spesso larghi e rotondeggianti e tendono a confluire (ricorda quello della porpora di Schönlein-Henoch, ma risulta più esteso). Spesso si accompagna a un edema di volto, mani e piedi (e a volte della regione perineale), che può essere doloroso.
Le diagnosi differenziali più importanti sono: lo stato settico, in cui le condizioni generali sono scadute; la porpora di Schönlein-Henoch, che coinvolge il bambino più grande, presenta spesso dolore addominale, artralgie e nella metà dei casi un coinvolgimento renale; la porpora idiopatica trombocitopenica, che mostra una piastrinopenia. La diagnosi clinica mediante i criteri di Krause e coll. può eventualmente essere confermata dalla biopsia delle lesioni (vasculite leucocitoclasica). Il decorso è assolutamente benigno con risoluzione spontanea e completa in 6-21 giorni, mentre la terapia steroidea non è efficace a ridurre la durata dei sintomi. Il riconoscimento di tale malattia permette di rassicurare i genitori di fronte a un quadro clinico eclatante, di evitare inutili approfondimenti e lunghi follow-up.


Bibliografia di riferimento

Vuoi citare questo contributo?
S. Carbogno. UNA PORPORA (PER NULLA) SPAVENTOSA. Medico e Bambino pagine elettroniche 2016; 19(10) https://www.medicoebambino.com/?id=PSR1610_30.html




La riproduzione senza autorizzazione è vietata. Le informazioni di tipo sanitario contenute in questo sito Web sono rivolte a personale medico specializzato e non possono in alcun modo intendersi come riferite al singolo e sostitutive dell'atto medico. Per i casi personali si invita sempre a consultare il proprio medico curante. I contenuti di queste pagine sono soggetti a verifica continua; tuttavia sono sempre possibili errori e/o omissioni. Medico e Bambino non è responsabile degli effetti derivanti dall'uso di queste informazioni.

Unauthorised copies are strictly forbidden. The medical information contained in the present web site is only addressed to specialized medical staff and cannot substitute any medical action. For personal cases we invite to consult one's GP. The contents of the pages are subject to continuous verifications; anyhow mistakes and/or omissions are always possible. Medico e Bambino is not liable for the effects deriving from an improper use of the information.