MeB Pagine Elettroniche
a cura della redazione di MeB Pagine Elettroniche
Volume XXII
Luglio 2019
numero 7
PRESENTAZIONI PPT




DERMATOLOGIA


MUCHA mas

Alessandra Quagliarella
Clinica Pediatrica, Ospedale San Gerardo Monza, Università di Milano Bicocca


Indirizzo per corrispondenza: 
a.quagliarella@campus.unimib.it


T. è un bambino di 7 anni, la sua storia clinica inizia con la comparsa di piccole papule eritematose al tronco trattate con l’applicazione di gentamicina locale senza beneficio. A distanza di un mese, per il peggioramento del quadro cutaneo, T. è stato ricoverato presso il reparto di pediatria di un altro centro. All’esame obiettivo presentava un’eruzione polimorfica con elementi sia papulari-purpurici che crostosi con diffusione a tronco, cavi ascellari e inguine. Le condizioni generali tuttavia erano buone e non presentava sintomi associati. Alla valutazione dermatologica, nel sospetto di Pitiriasi lichenoide, è stata impostata terapia topica con acido fusidico e steroide. A distanza di una settimana il quadro clinico è peggiorato ulteriormente con collaterale comparsa di febbre e bruciore cutaneo, per cui è stata eseguita una rivalutazione dermatologica con riscontro di un quadro di dermatosi sub-eritrodermica infiltrata e desquamante al tronco associata a lesioni varicelliformi diffuse agli arti. Il bambino è stato quindi ricoverato presso il nostro reparto di pediatria. Durante il ricovero il quadro cutaneo era caratterizzato da gettate subentranti di papule eritemato-purpuriche agli arti con successivo appiattimento delle lesioni e comparsa di squama centrale, associate a importante desquamazione lamellare crostosa localizzata a tronco, collo e cavi ascellari. Visto il quadro clinico, è stata impostata terapia antibiotica endovenosa ad ampio spettro e proseguita la terapia topica in atto. Al fine di escludere un quadro di papulosi linfomatoide o altra patologia linfoproliferativa, è stata eseguita una biopsia cutanea che ha mostrato un quadro istologico compatibile con pitiriasi lichenoide varioliforme acuta (PLEVA). Dal punto di vista terapeutico è stata proseguita la terapia topica con acido fusidico e cortisone associato a pomata emolliente e data indicazione a intraprendere ciclo di fototerapia UVB a banda stretta. Le lesioni papulari sono andate incontro a progressiva evoluzione crostosa con successiva desquamazione lamellare fino alla risoluzione completa del quadro.

Conclusioni
Nonostante il coinvolgimento cutaneo possa essere importante, come nel nostro caso, la PLEVA (malattia di Mucha-Habermann) è una patologia benigna e a risoluzione spontanea. La diagnosi è clinica, ma nei casi dubbi il quadro istologico permette di escludere forme maligne come la papulosi linfomatoide o il linfoma a cellule T.


PPT
Scarica la presentazione





Vuoi citare questo contributo?
A. Quagliarella. MUCHA MAS. Medico e Bambino pagine elettroniche 2019; 22(7) https://www.medicoebambino.com/?id=PPT1907_140.html




La riproduzione senza autorizzazione è vietata. Le informazioni di tipo sanitario contenute in questo sito Web sono rivolte a personale medico specializzato e non possono in alcun modo intendersi come riferite al singolo e sostitutive dell'atto medico. Per i casi personali si invita sempre a consultare il proprio medico curante. I contenuti di queste pagine sono soggetti a verifica continua; tuttavia sono sempre possibili errori e/o omissioni. Medico e Bambino non è responsabile degli effetti derivanti dall'uso di queste informazioni.

Unauthorised copies are strictly forbidden. The medical information contained in the present web site is only addressed to specialized medical staff and cannot substitute any medical action. For personal cases we invite to consult one's GP. The contents of the pages are subject to continuous verifications; anyhow mistakes and/or omissions are always possible. Medico e Bambino is not liable for the effects deriving from an improper use of the information.