Settembre 2018 - Volume XXI - numero 7

M&B Pagine Elettroniche

I Poster degli specializzandi

La Pediatria per sigle: cerebral salt wasting syndrome
Marco Colombo1, Valeria D’Apolito1, Angelo Mazza2, Lucio Verdoni2, Maurizio Ruggeri2
1Scuola di Specializzazione in Pediatria, Università di Milano-Bicocca
2UOS di Pediatria 1, Ospedale Papa Giovanni XXIII, Bergamo
Indirizzo per corrispondenza: dott.marco.colombo@gmail.com


Descriviamo il caso clinico di un ex-pretermine di 35+5 settimane giunto alla nostra attenzione all’età di circa 5 settimane per idrocefalo (circonferenza cranica > 97° percentile vs 25-50° percentile alla nascita) e movimenti oculari anomali. È stato sottoposto a RM encefalo con riscontro di raccolte ematiche e di spandimento ematico di tipo subacuto e cronico.
Dopo aver escluso una coagulopatia (piastrine 190.000/µl, coagulazione nella norma) e cause infettive (sierologie materne in gravidanza negative, assenza di febbre, PCR e PCT negative) abbiamo pensato a un possibile caso di abusive head trauma (riscontro di emorragie retiniche bilaterali). Il paziente è stato sottoposto a intervento chirurgico di posizionamento di derivazione ventricolare esterna dopo due settimane per stabilità del quadro neuroradiologico. In sesta giornata post operatoria ha sviluppato poliuria (6 ml/kg/h), iposmolarità urinaria (60 mOsm/l) con natriemia normale (136 mEq/l) per cui è stata somministrata una singola dose di desmopressina nel sospetto di diabete insipido. In ventesima giornata di ricovero abbiamo registrato iponatriemia (129 mEq/l), poliuria (5 ml/kg/h), iperosmolarità urinaria (430 mOsm/l con sodio 61 mEq/l) normale osmolarità plasmatica (260 ml/kg/h), calo ponderale e mucose aride.
La somma dei dati clinici e laboratoristici ha permesso di porre la diagnosi di cerebral salt wasting syndrome (CSWS) e pertanto il paziente è stato trattato con adeguata idratazione con soluzione fisiologica e integrazione di sodio per os fino a completa risoluzione in circa due settimane.

La CSWS è una rara condizione neuroendocrina secondaria a diversi processi patologici cerebrali che porta a natriuresi forzata e poliuria osmotica. Se non adeguatamente trattata comporta una disidratazione iponatriemica potenzialmente fatale. La terapia si basa su una corretta idratazione e supplementazione di sodio e può necessitare anche, nei casi più gravi, di steroidi mineraloattivi come il fludrocortisone.



Vuoi citare questo contributo?

M. Colombo, V. D’Apolito, A. Mazza, L. Verdoni, M. Ruggeri La Pediatria per sigle: cerebral salt wasting syndrome. Medico e Bambino pagine elettroniche 2018;21(7) https://www.medicoebambino.com/?id=PSR1807_30.html