MeB Pagine Elettroniche
a cura della redazione di MeB Pagine Elettroniche
Volume XIV
Maggio 2011
numero 5
RICERCA


Prevenzione dei disturbi dello sviluppo del bambino

Massimo Guerriero1, Matteo Faberi2, Sabrina Bush2, Marco Sandri3, Mario Castagnini2
1Dipartimento E.S.I., Sezione Statistica, Università di Verona
2Associazione ARC I Nostri Figli, Verona
3Dipartimento di Metodi Quantitativi, Università di Brescia

indirizzo per corrispondenza:matteo.faberi@gmail.com



Prevention of developmental disorders in children

Key words
Developmental disorders, Pre-perinatal neurodamage, Educational-rehabilitative methodology

Summary
Introduction: The literature and current experience tend to doubt the usefulness of the psychomotor rehabilitation in the cases of pre-perinatal neurodamage. The characteristics of brain development undoubtedly indicate that the first year of life and actually the first months are crucial for the post-natal development and re-organization of structures. These periods are characterised by a greater plasticity and therefore they are theoretically the most suitable for rehabilitation. Aim: To investigate the efficacy of the early application (within the first three months of life) of a specific educational-rehabilitative methodology (the one applied at “A.R.C. i Nostri figli”) in children presenting with neurodamage and in children at risk. Method: Retrospective observational study on patients treated in the rehabilitation centre A.R.C. i Nostri Figli from 1995 to 2005. Results: The results show a statistically significant improvement in the autonomy of patients that start the therapy before 3 months of age if compared with those that start it after that age. Conclusions: These observations need to be confirmed on children that have been treated with different therapies. We think that a controlled perspective rather than retrospective experimentation is not ethical. So, for the time being, we can conclude that any effort should be done for each single patient in order to anticipate the rehabilitation intervention to the first months of age.

Introduzione. La letteratura, e l’esperienza corrente tendono a mettere in dubbio l’utilità dell’intervento riabilitativo psicomotorio nelle situazioni di neurodanno pre-perinatale. Ora, le caratteristiche dello sviluppo cerebrale indicano con scarso margine di dubbio che il primo anno di vita, e anzi i primi mesi, sono un tempo cruciale per lo sviluppo e la ri-organizzazione post-natale delle strutture, il tempo della maggiore plasticità, e dunque, in teoria, il tempo più adatto per la riabilitazione. Obiettivo. Indagare l’efficacia della precoce applicazione (entro i tre mesi di vita del soggetto) nei bambini con neurodanno e nei bambini a rischio di una specifica metodica di educazione-riabilitazione (quella applicata presso “A.R.C. i Nostri figli”). Metodologia. Studio osservazionale retrospettivo sui pazienti trattati nel servizio di riabilitazione A.R.C. i Nostri Figli negli ultimi dieci anni (1995-2005). Risultati. I risultati mostrano un miglioramento statisticamente significativo nell’autonomia dei soggetti che iniziano la terapia prima dei tre mesi di vita se confrontati con coloro che l’hanno iniziata dopo tale periodo. Conclusioni. Queste osservazioni meriterebbero conferma, su serie di bambini trattati anche secondo altri schemi. Una sperimentazione controllata prospettica, anziché retrospettiva ci sembrerebbe non etica. Secondo la nostra conclusione provvisoria, ogni sforzo dovrebbe essere fatto, sul singolo caso, per anticipare l’intervento riabilitativo ai primi tre mesi di vita.


L'accesso è riservato agli abbonati alla rivista che si siano registrati.
Per accedere all'articolo in formato full text è necessario inserire username e password.

Vuoi citare questo contributo?
M. Guerriero, M. Faberi, S. Bush, M. Sandri, M. Castagnini. PREVENZIONE DEI DISTURBI DELLO SVILUPPO DEL BAMBINO. Medico e Bambino pagine elettroniche 2011; 14(5) https://www.medicoebambino.com/?id=RIC1105_10.html




La riproduzione senza autorizzazione è vietata. Le informazioni di tipo sanitario contenute in questo sito Web sono rivolte a personale medico specializzato e non possono in alcun modo intendersi come riferite al singolo e sostitutive dell'atto medico. Per i casi personali si invita sempre a consultare il proprio medico curante. I contenuti di queste pagine sono soggetti a verifica continua; tuttavia sono sempre possibili errori e/o omissioni. Medico e Bambino non è responsabile degli effetti derivanti dall'uso di queste informazioni.

Unauthorised copies are strictly forbidden. The medical information contained in the present web site is only addressed to specialized medical staff and cannot substitute any medical action. For personal cases we invite to consult one's GP. The contents of the pages are subject to continuous verifications; anyhow mistakes and/or omissions are always possible. Medico e Bambino is not liable for the effects deriving from an improper use of the information.