Rivista di formazione e di aggiornamento professionale del pediatra e del medico di base, realizzata in collaborazione con l'Associazione Culturale Pediatri

M&B Pagine Elettroniche

I Poster degli specializzandi

Una fame da matti

Alessandra Quagliarella

Clinica Pediatrica, Fondazione MBBM, Ospedale San Gerardo, Università Milano Bicocca, Monza

Indirizzo per corrispondenza: a.quagliarella@campus.unimib.it

Bambina di 15 mesi nata a termine da gravidanza normodecorsa. Alla nascita i parametri auxologici risultavano nella norma: peso 2,950 kg (50° percentile), lunghezza 49 cm (50° percentile), CC 34 cm (25° percentile). Allattata al seno per il primo mese, poi per ipogalattia materna ha iniziato latte di formula più volte modificato per scariche alvine.
Dal 2° mese deflessione della curva di crescita dal 25-50° percentile a < 3° percentile e dal 3° mese comparsa di saltuari episodi di vomito post prandiali.
È stata riferita al nostro Centro di Gastroenterologia dove sono stati eseguiti emocromo, dosaggio delle Ig, sangue occulto fecale, RAST per latte e frazioni, riso e soia, funzionalità tiroidea, esame urine, ecocardiogramma, ECG ed ecografia addome, risultati nella norma. A 4 mesi effettuato tentativo di svezzamento poi fallito, per cui è tornata ad alimentarsi con i pasti di latte. A 7 mesi, per l’intensificarsi degli episodi di vomito dopo i pasti e un ulteriore calo ponderale del 5%, è stata ricoverata. È stata impostata dieta con latte elementare e ha eseguito esami di approfondimento metabolico, elastasi fecale, screening parassitologico delle feci, screening immunologico, EGDS con ricerca di HP, test HIV, analisi genetica del gene CFTR e Rx transito intestinale per escludere una malrotazione, risultati tutti negativi.
A 10 mesi sono state inserite le prime pappe con iniziale discreta adesione allo schema alimentare, ma dal mese successivo ha ripreso a vomitare e iniziato a rifiutare il cibo con rallentamento della crescita (peso 7,1 kg). All’età di 1 anno è stata ricoverata per un ulteriore calo ponderale, in seguito a vomito e restrizione idrica volontaria (peso 6,6 kg <<< 3° percentile); veniva quindi posizionato sondino nasogastrico ed eseguita valutazione genetica e RM encefalo, risultate nella norma. Escluse tutte le cause organiche, potrebbe trattarsi di un problema comportamentale? È stata quindi richiesta visita neuropsichiatrica infantile con diagnosi di disturbo alimentare dell’infanzia di origine non organica.

Conclusioni
I disturbi alimentari infantili sono una comune causa di scarso accrescimento. Nel nostro caso, presentava rifiuto del cibo, failure to thrive e sintomi somatici come il vomito in assenza di cause organiche. Nella diagnosi differenziale della scarsa crescita è importante pensare anche ai disturbi alimentari da avversione per il cibo (food aversion) per poter effettuare una diagnosi tempestiva e un trattamento precoce.

Vuoi citare questo contributo?

A. Quagliarella Una fame da matti. Medico e Bambino pagine elettroniche 2019;22(8) https://www.medicoebambino.com/?id=PSR1908_60.html

Copyright © 2019 - 2019 Medico e Bambino - Via S.Caterina 3 34122 Trieste - Partita IVA 00937070324
redazione: redazione@medicoebambino.com, tel: 040 3728911 fax: 040 7606590
abbonamenti: abbonamenti@medicoebambino.com, tel: 040 3726126

La riproduzione senza autorizzazione è vietata. Le informazioni di tipo sanitario contenute in questo sito Web sono rivolte a personale medico specializzato e non possono in alcun modo intendersi come riferite al singolo e sostitutive dell'atto medico. Per i casi personali si invita sempre a consultare il proprio medico curante. I contenuti di queste pagine sono soggetti a verifica continua; tuttavia sono sempre possibili errori e/o omissioni. Medico e Bambino non è responsabile degli effetti derivanti dall'uso di queste informazioni.

Unauthorised copies are strictly forbidden. The medical information contained in the present web site is only addressed to specialized medical staff and cannot substitute any medical action. For personal cases we invite to consult one's GP. The contents of the pages are subject to continuous verifications; anyhow mistakes and/or omissions are always possible. Medico e Bambino is not liable for the effects deriving from an improper use of the information.