MeB Pagine Elettroniche
a cura della redazione di MeB Pagine Elettroniche
Volume XXII
Gennaio 2019
numero 1
I POSTER DEGLI SPECIALIZZANDI


Infezioni delle vie urinarie e iposodiemia: pseudoipoaldosteronismo fino a prova contraria!
Maria Cristina Fedele, Federica Palladino, Ludovica Picciano, Raffaele Mancusi
Università della Campania "Luigi Vanvitelli"
Indirizzo per corrispondenza: cristina.fedele90@gmail.com


Bambina di 1 anno e 2 mesi seguita presso la nostra struttura per idronefrosi destra (evidenziata già all’ecografia prenatale) con marcata dilatazione dei calici (megacalicosi), lieve dilatazione della pelvi (DAP 8 mm - pelvi intrarenale) e funzionalità renale conservata.
Giunge alla nostra osservazione per febbre (temperatura max 38,5 °C) e un esame urine positivo per nitriti e leucociti.
La bambina all’ingresso si presentava in condizioni discrete.
Gli esami ematochimici mostrano leucocitosi neutrofila (Hb 12,1 g/dl, GR 4.460.000/µl; GB 16.280/µl - N 55%; L 27,6%; M 16,8% -, PCR 10 mg/dl, creatinina 0,58 mg/dl, FeNa 0,35, sodiemia 125 mEq/l, kaliemia 5,7 mEq/l, cloremia 93 mEq/l. I livelli di aldosterone e renina erano rispettivamente > 100 pg/ml e > 60 ng/ml/h.
L’ecografia renale e vescicale descriveva reni in sede, di normali dimensioni ed ecostruttura (DL dx 77 mm; DL sx 70 mm). A dx si confermava l’idronefrosi di 4° grado con DAP pelvi 11,5 mm. Nel sospetto di una pielonefrite iniziamo terapia empirica con amoxicillina-acido clavulanico (80 mg/kg 3 volte al giorno). L’urinocoltura da catetere risulterà positiva per Escherichia coli sensibile ad amoxicillina clavulanata.
Durante il ricovero i livelli di sodiemia si sono gradualmente normalizzati in seguito a terapia della pielonefrite e con infusione lenta di soluzione fisiologica, così come i livelli di aldosterone (Na 140 mEq/l, K 3,7 mEq/l, Cl 104 mEq/l, aldosterone 20,9 pg/ml).
Si tratta dunque di un caso di pseudoipoaldosteronismo di tipo 1 in corso di pielonefrite.

Lo pseudoipoaldosteronismo si verifica spesso nei bambini con infezioni delle vie urinarie o con anomalie renali. Oltre alle alterazioni elettrolitiche è caratterizzato da elevati livelli plasmatici di aldosterone e renina, dovuti all’iperattivazione del sistema renina-angiotensina II-aldosterone per la resistenza all’azione dell’aldosterone a livello del dotto collettore. Pertanto, in presenza di quadro clinico di pielonefrite con iposodiemia e iperkaliemia, bisogna sempre sospettare uno pseudoipoaldosteronismo, condizione autolimitante e che regredisce in seguito al miglioramento del quadro infettivo.


Vuoi citare questo contributo?
M.C. Fedele, F. Palladino, L. Picciano, R. Mancusi. INFEZIONI DELLE VIE URINARIE E IPOSODIEMIA: PSEUDOIPOALDOSTERONISMO FINO A PROVA CONTRARIA!. Medico e Bambino pagine elettroniche 2019; 22(1) https://www.medicoebambino.com/?id=PSR1901_30.html




La riproduzione senza autorizzazione è vietata. Le informazioni di tipo sanitario contenute in questo sito Web sono rivolte a personale medico specializzato e non possono in alcun modo intendersi come riferite al singolo e sostitutive dell'atto medico. Per i casi personali si invita sempre a consultare il proprio medico curante. I contenuti di queste pagine sono soggetti a verifica continua; tuttavia sono sempre possibili errori e/o omissioni. Medico e Bambino non è responsabile degli effetti derivanti dall'uso di queste informazioni.

Unauthorised copies are strictly forbidden. The medical information contained in the present web site is only addressed to specialized medical staff and cannot substitute any medical action. For personal cases we invite to consult one's GP. The contents of the pages are subject to continuous verifications; anyhow mistakes and/or omissions are always possible. Medico e Bambino is not liable for the effects deriving from an improper use of the information.