MeB Pagine Elettroniche
a cura della redazione di MeB Pagine Elettroniche
Volume XXI
Novembre 2018
numero 9
I POSTER DEGLI SPECIALIZZANDI


La sindrome di Panayiotopoulos dal punto di vista del Pronto Soccorso: dove si nasconde?
Martina Budel
Scuola di Specializzazione in Pediatria, Università di Trieste
Indirizzo per corrispondenza: obalory@alice.it


La sindrome di Panayiotopoulos è un’epilessia focale benigna che nasce da un difetto funzionale del sistema maturativo corticale che rende la rete del sistema nervoso autonomo (nel bambino tra i 2 e i 6 anni) vulnerabile a scariche epilettiche. Ciò si esprime attraverso crisi lontane dalle classiche manifestazioni epilettiche: la fanno da padroni le cosiddette manifestazioni autonomiche (triade emetica ictale, sincope ictale, stato di male autonomico). L’EEG è normale nel 25% dei casi. Tutto questo fa sì che tale sindrome venga spesso misdiagnosticata. Prendendo in considerazione tutti i bambini piccoli accolti in Pronto Soccorso (PS) in 10 anni (2007-2016) che presentassero un episodio di nausea/vomito, alterazione della coscienza, convulsioni generalizzate, cefalea, sincope e sintomi disautonomici, che fossero stati sottoposti a EEG e a una consulenza neurologica abbiamo valutato la prevalenza della sindrome di Panayiotopoulos in PS e messo in luce quali sono gli elementi caratterizzanti e utili per la diagnosi differenziale.
Di 285 bambini considerati, la sindrome di Panayiotopoulos rappresenta il 6,6% delle diagnosi, il restante si divide tra diagnosi di altre epilessie, convulsioni febbrili complicate, sincopi, encefaliti ed emicranie. La sindrome di Panayiotopoulos interessa il bambino tra i 2 e i 7 anni. Alcuni sintomi come nausea/vomito e alterazione della coscienza sono sensibili per tale sindrome, essendo rilevanti nella stessa ma altrettanto importanti nelle altre diagnosi considerate. Mentre è interessante come - sebbene il campione di bambini con la sindrome di Panayiotopoulos fosse esiguo - alcuni sintomi hanno prevalso in essa rispetto alle altre patologie: l’esordio nel sonno, la deviazione oculare e lo stato di male elettrico. Tale sintomatologia preoccupa terribilmente il genitore che è spinto a portare il bambino in Pronto Soccorso molto più frequentemente rispetto ad altre patologie, anche rispetto ad altre epilessie.

Considerando i sintomi che accompagnano la sindrome di Panayiotopoulos, abbiamo costruito un identikit del bambino con tale patologia:
  • si tratta di un bambino piccolo, tra i 2 e i 7 anni che arriva in PS;
  • con una deviazione oculare e lo stato di coscienza alterato che stenta a risolversi;
  • in anamnesi i genitori ci raccontano che l’episodio è cominciato nel sonno con nausea, vomito o conati.
Frequentemente di fronte a un bambino con le caratteristiche peculiari della sindrome di Panayiotopoulos il pediatra ricorre al neuroimaging d’urgenza (stato di coscienza alterato da lungo tempo, deviazione oculare), ma i sintomi caratteristici dell’esordio rappresentano la guida per il riconoscimento della patologia e potrebbero aiutare a ridurre il ricorso al neuroimaging salvo essere giustificata dalla sede anatomica di coinvolgimento).



Vuoi citare questo contributo?
M. Budel. LA SINDROME DI PANAYIOTOPOULOS DAL PUNTO DI VISTA DEL PRONTO SOCCORSO: DOVE SI NASCONDE?. Medico e Bambino pagine elettroniche 2018; 21(9) https://www.medicoebambino.com/?id=PSR1809_30.html




La riproduzione senza autorizzazione è vietata. Le informazioni di tipo sanitario contenute in questo sito Web sono rivolte a personale medico specializzato e non possono in alcun modo intendersi come riferite al singolo e sostitutive dell'atto medico. Per i casi personali si invita sempre a consultare il proprio medico curante. I contenuti di queste pagine sono soggetti a verifica continua; tuttavia sono sempre possibili errori e/o omissioni. Medico e Bambino non è responsabile degli effetti derivanti dall'uso di queste informazioni.

Unauthorised copies are strictly forbidden. The medical information contained in the present web site is only addressed to specialized medical staff and cannot substitute any medical action. For personal cases we invite to consult one's GP. The contents of the pages are subject to continuous verifications; anyhow mistakes and/or omissions are always possible. Medico e Bambino is not liable for the effects deriving from an improper use of the information.