MeB Pagine Elettroniche
a cura della redazione di MeB Pagine Elettroniche
Volume XXI
Giugno 2018
numero 6
I POSTER DEGLI SPECIALIZZANDI


Cerchi una celiachia, trovi... una leucemia
Silvia Molinari
Clinica Pediatrica, Fondazione MBBM, Ospedale “San Gerardo”, Università “Milano Bicocca”, Monza
Indirizzo per corrispondenza: s.molinari3@campus.unimib.it


Un bambino di 3 anni da 2 mesi presenta addominalgia, dolore agli arti inferiori e astenia. Per tale motivo esegue degli esami ematochimici con riscontro di lieve anemia microcitica, piastrine ai limiti inferiori, anti-transglutaminasi e anti-endomisio IgA-positive. Pertanto, nel sospetto di malattia celiaca, viene programmata una esofago-gastro-duodenoscopia (EGDS).
In anamnesi familiare padre con eterozigosi per β-talassemia, madre affetta da malattia celiachia.
Giunge in PS per comparsa nella notte di vomito caffeano, in corso di infezione respiratoria. Agli esami eseguiti Hb: 7,8 g/dl, PTL: 40.000/mm3, GB: 14.600/mm3 con linfocitosi. All’Rx torace affastellamento parenchimale destro.
Il bambino è in buone condizioni generali. Viene ricoverato ed esegue il giorno seguente un’EGDS con biopsie la quale mostra un’atrofia villare suggestiva per celiachia. In attesa degli esiti bioptici inizia una dieta priva di glutine. Come spiegare però la piastrinopenia associata all’anemia? Visto il quadro clinico e l’Rx torace... Che sia un parvovirus? Ad approfondimento diagnostico vengono eseguiti: bilancio marziale, LDH, sangue occulto fecale, elettroforesi dell’emoglobina, striscio di sangue periferico, ecografia dell’addome (risultati nella norma) e sierologie virali tra cui parvovirus. Dopo quasi una settimana di ricovero il bambino sta bene, gioca tranquillo, non presenta più vomito né tosse catarrale, ma l’emoglobina cala ulteriormente fino a 6,2 g/dl, le piastrine scendono fino a 21.000 cell/mm3 e i leucociti si riducono a 2000 cell/mm3, di cui l’80% linfociti, ma soprattutto giunge l’esito del parvovirus: negativo.
Perviene inoltre l’esito della biopsia duodenale: è affetto da malattia celiaca, grado 3 di Marsh. L’emocromo però non torna: tre linee ematopoietiche in progressivo calo; si procede ad aspirato midollare e si pone diagnosi di leucemia linfoblastica acuta tipo BII (LLA BII).

Conclusioni
La LLA è la forma più frequente di leucemia in età pediatrica. Nel nostro caso la sintomatologia iniziale deponeva per una virosi in celiachia. È importante ricordarsi della leucemia in diagnosi differenziale in presenza di anemia e piastrinopenia associate, soprattutto nel contesto di un episodio infettivo, che fa da trigger per l’esordio di una leucemia acuta.



Vuoi citare questo contributo?
S. Molinari. CERCHI UNA CELIACHIA, TROVI... UNA LEUCEMIA. Medico e Bambino pagine elettroniche 2018; 21(6) https://www.medicoebambino.com/?id=PSR1806_40.html




La riproduzione senza autorizzazione è vietata. Le informazioni di tipo sanitario contenute in questo sito Web sono rivolte a personale medico specializzato e non possono in alcun modo intendersi come riferite al singolo e sostitutive dell'atto medico. Per i casi personali si invita sempre a consultare il proprio medico curante. I contenuti di queste pagine sono soggetti a verifica continua; tuttavia sono sempre possibili errori e/o omissioni. Medico e Bambino non è responsabile degli effetti derivanti dall'uso di queste informazioni.

Unauthorised copies are strictly forbidden. The medical information contained in the present web site is only addressed to specialized medical staff and cannot substitute any medical action. For personal cases we invite to consult one's GP. The contents of the pages are subject to continuous verifications; anyhow mistakes and/or omissions are always possible. Medico e Bambino is not liable for the effects deriving from an improper use of the information.