MeB Pagine Elettroniche
a cura della redazione di MeB Pagine Elettroniche
Volume XX
Settembre 2017
numero 7
I POSTER DEGLI SPECIALIZZANDI


Una storia di febbre e dolori toracici ricorrenti
Ester Conversano, Maria Ilaria Bosio, Valentina Del Volgo
Scuola di Specializzazione in Pediatria, Università di Brescia
Indirizzo per corrispondenza: valentinadv89@yahoo.it


Raien, bambina di origini algerine, genitori cugini di 1° grado, dall’età di 4 anni presenta dolori addominali di tipo colico ricorrente, a cadenza irregolare (settimanale/mensile). Durante un episodio di addominalgia acuta associata a febbre e rialzo degli indici di flogosi, viene ricoverata presso il reparto di Chirurgia, dove vengono escluse cause infettive e una patologia chirurgica acuta.
Emerge una calcolosi a stampo del polo superiore del rene destro, pertanto la sintomatologia di Raien viene imputata a nefrolitiasi da ossalati di calcio, evidenziati grazie all’analisi di un calcolo espulso; vengono escluse le cause di nefrolitiasi primitiva (calcio, fosfati, ossalati, acido urico, citrati, aminoacidi urinari e plasmatici nella norma).
A 9 anni viene sottoposta a litotrissia ureterorenoscopica, con successivo benessere per un anno, quando ricompare la sintomatologia dolorosa addominale che si presenta tutti i martedì.

All’età di 11 anni Raien si presenta in Pronto Soccorso (PS) per dolore toracico trafittivo accentuato dall’inspirio e febbre. Episodi analoghi si presentano da circa 2 mesi, con cadenza settimanale, e durano circa 24 ore. Esegue un Rx torace e un ECG che risultano nella norma, agli esami ematici si evidenzia un lieve rialzo degli indici di flogosi (PCR 14 mg/l), l’esame urine è nella norma. Viene dimessa con terapia antibiotica con claritromicina nel sospetto di una polmonite atipica.
Ma Raien continua a presentare i medesimi episodi ed effettua numerosi accessi in PS, durante i quali si evidenzia il carattere stereotipato e di ricorrenza degli “attacchi”. Si ipotizza quindi che la patologia di Raien sia su base autoinfiammatoria, e che il filo conduttore della sintomatologia sia in particolare l’infiammazione delle sierose. Si dosa la sieroamiloide A in benessere, che risulta 647 mg/dl (PCR 162 mg/l, VES 69 mm/1 h, ferritina 241 nm/ml), e si richiede la genetica per febbre mediterranea familiare (FMF), risultata positiva per le varianti Met694II e Val726IA.
Dall’introduzione della terapia con colchicina al dosaggio di 0,5 mg/die si è assistito alla regressione completa dei sintomi. La sierosite associata a febbre è uno dei caratteri distintivi della FMF, in cui la presentazione con dolore addominale è la più frequente (90% dei pazienti). La terza presentazione per frequenza, dopo l’artrite, è il dolore toracico (40%) secondario a pleurite/pericardite.

Di fronte a un quadro clinico di febbre ricorrente in associazione a sintomi stereotipati e aumento degli indici di flogosi senza apparenti cause infettive, pensa a una patologia autoinfiammatoria, e in particolare alla febbre mediterranea familiare quando gli episodi sono brevi (< 72 ore) e non presentano una cadenza regolare.

Vuoi citare questo contributo?
E. Conversano, M.I. Bosio, V. Del Volgo. UNA STORIA DI FEBBRE E DOLORI TORACICI RICORRENTI. Medico e Bambino pagine elettroniche 2017; 20(7) https://www.medicoebambino.com/?id=PSR1707_50.html




La riproduzione senza autorizzazione è vietata. Le informazioni di tipo sanitario contenute in questo sito Web sono rivolte a personale medico specializzato e non possono in alcun modo intendersi come riferite al singolo e sostitutive dell'atto medico. Per i casi personali si invita sempre a consultare il proprio medico curante. I contenuti di queste pagine sono soggetti a verifica continua; tuttavia sono sempre possibili errori e/o omissioni. Medico e Bambino non è responsabile degli effetti derivanti dall'uso di queste informazioni.

Unauthorised copies are strictly forbidden. The medical information contained in the present web site is only addressed to specialized medical staff and cannot substitute any medical action. For personal cases we invite to consult one's GP. The contents of the pages are subject to continuous verifications; anyhow mistakes and/or omissions are always possible. Medico e Bambino is not liable for the effects deriving from an improper use of the information.