MEDICO e BAMBINO - PAGINE ELETTRONICHE
Aprile 2017

https://www.medicoebambino.com/?id=PSR1704_20.html

MEDICO E BAMBINO
PAGINE ELETTRONICHE
I POSTER DEGLI SPECIALIZZANDI

curve di crescita, celiachia, asma, reflusso


Freddo e vibrazione nell’analgesia per venipuntura nel bambino con deficit cognitivo
Uno studio prospettico, randomizzato e controllato
Luisa Cortellazzo Wiel, Paola Assandro, Martina Tubaro
Scuola di Specializzazione in Pediatria, Università di Trieste
Indirizzo per corrispondenza: luisacortellazzowiel@gmail.com


Il dolore procedurale viene vissuto da molti bambini come l’aspetto peggiore della malattia: in particolare prelievo e posizionamento di accesso venoso rappresentano la seconda causa di dolore dopo la malattia stessa, nonché la prima fonte di dolore procedurale. Ciò vale a maggior ragione per i bambini portatori di deficit cognitivo, sottoposti con frequenza inevitabilmente superiore alle procedure in questione, le quali si affiancano come occasioni di dolore a quelle derivanti dalla malattia stessa. Ciononostante si tratta di una categoria di pazienti che resta a oggi ancora sostanzialmente orfana di attenzioni in questo senso, e risulta allarmante l’assoluto vuoto di studi in merito in letteratura. Ci si è proposti quindi di testare su questi bambini l’efficacia del dispositivo noto come Buzzy: questo combina stimoli termici e vibrattili che consentono l’attivazione di interneuroni inibitori rispetto all’afferenza dolorosa e insieme stimolano direttamente la via discendente inibitoria del dolore. Precedentemente validato in Pediatria, rispetto agli anestetici locali presenta il vantaggio dell’azione immediata e dei costi contenuti.
Lo studio ha previsto l’arruolamento di un totale di 71 pazienti di età compresa fra 4 e 17 anni portatori di deficit cognitivo tale da impedirne qualsiasi capacità espressiva, e che dovessero sottoporsi a prelievo o posizionamento di accesso venoso a scopi diagnostici o terapeutici. Sono quindi stati randomizzati in uno dei due gruppi, di controllo (nessun intervento) o di intervento (Buzzy), assumendo come outcome primario il punteggio NCCPC-PV (Non-Communicating Children’s Pain Checklist - Postoperative Version) riportato in corso di procedura dai caregiver, e come outcome secondari percentuale di successo dell’operazione al primo tentativo e tipologia e frequenza di eventi avversi.
I punteggi NCCPC-PV sono risultati significativamente inferiori nel gruppo di intervento rispetto al controllo (< 10, cioè dolore da assente a lieve nel 91,4 vs 61,1% dei casi con p = 0,003), senza per contro poter attestare una sostanziale differenza relativamente agli outcome secondari, essendo risultata sovrapponibile la percentuale di successo della procedura al primo tentativo (90,6% vs 87,1%; p = 0,71), così come la frequenza di eventi avversi (3 vs 1; p = 0,36).
Buzzy si configura quindi come uno strumento valido per il controllo del dolore da venipuntura nel bambino portatore di deficit cognitivo: dovrebbe quindi essere preso in considerazione in questa categoria di pazienti, laddove non risultino applicabili tecniche farmacologiche, tanto più in considerazione degli inevitabili limiti dell’efficacia di approcci cognitivo-comportamentali.

Vuoi citare questo contributo?
L. Cortellazzo Wiel, P. Assandro, M. Tubaro. FREDDO E VIBRAZIONE NELL’ANALGESIA PER VENIPUNTURA NEL BAMBINO CON DEFICIT COGNITIVO. Medico e Bambino pagine elettroniche 2017; 20(4) https://www.medicoebambino.com/?id=PSR1704_20.html