MeB Pagine Elettroniche
a cura della redazione di MeB Pagine Elettroniche
Volume XX
Aprile 2017
numero 4
I POSTER DEGLI SPECIALIZZANDI


Freddo e vibrazione nell’analgesia per venipuntura nel bambino con deficit cognitivo
Uno studio prospettico, randomizzato e controllato
Luisa Cortellazzo Wiel, Paola Assandro, Martina Tubaro
Scuola di Specializzazione in Pediatria, Università di Trieste
Indirizzo per corrispondenza: luisacortellazzowiel@gmail.com


Il dolore procedurale viene vissuto da molti bambini come l’aspetto peggiore della malattia: in particolare prelievo e posizionamento di accesso venoso rappresentano la seconda causa di dolore dopo la malattia stessa, nonché la prima fonte di dolore procedurale. Ciò vale a maggior ragione per i bambini portatori di deficit cognitivo, sottoposti con frequenza inevitabilmente superiore alle procedure in questione, le quali si affiancano come occasioni di dolore a quelle derivanti dalla malattia stessa. Ciononostante si tratta di una categoria di pazienti che resta a oggi ancora sostanzialmente orfana di attenzioni in questo senso, e risulta allarmante l’assoluto vuoto di studi in merito in letteratura. Ci si è proposti quindi di testare su questi bambini l’efficacia del dispositivo noto come Buzzy: questo combina stimoli termici e vibrattili che consentono l’attivazione di interneuroni inibitori rispetto all’afferenza dolorosa e insieme stimolano direttamente la via discendente inibitoria del dolore. Precedentemente validato in Pediatria, rispetto agli anestetici locali presenta il vantaggio dell’azione immediata e dei costi contenuti.
Lo studio ha previsto l’arruolamento di un totale di 71 pazienti di età compresa fra 4 e 17 anni portatori di deficit cognitivo tale da impedirne qualsiasi capacità espressiva, e che dovessero sottoporsi a prelievo o posizionamento di accesso venoso a scopi diagnostici o terapeutici. Sono quindi stati randomizzati in uno dei due gruppi, di controllo (nessun intervento) o di intervento (Buzzy), assumendo come outcome primario il punteggio NCCPC-PV (Non-Communicating Children’s Pain Checklist - Postoperative Version) riportato in corso di procedura dai caregiver, e come outcome secondari percentuale di successo dell’operazione al primo tentativo e tipologia e frequenza di eventi avversi.
I punteggi NCCPC-PV sono risultati significativamente inferiori nel gruppo di intervento rispetto al controllo (< 10, cioè dolore da assente a lieve nel 91,4 vs 61,1% dei casi con p = 0,003), senza per contro poter attestare una sostanziale differenza relativamente agli outcome secondari, essendo risultata sovrapponibile la percentuale di successo della procedura al primo tentativo (90,6% vs 87,1%; p = 0,71), così come la frequenza di eventi avversi (3 vs 1; p = 0,36).
Buzzy si configura quindi come uno strumento valido per il controllo del dolore da venipuntura nel bambino portatore di deficit cognitivo: dovrebbe quindi essere preso in considerazione in questa categoria di pazienti, laddove non risultino applicabili tecniche farmacologiche, tanto più in considerazione degli inevitabili limiti dell’efficacia di approcci cognitivo-comportamentali.

Vuoi citare questo contributo?
L. Cortellazzo Wiel, P. Assandro, M. Tubaro. FREDDO E VIBRAZIONE NELL’ANALGESIA PER VENIPUNTURA NEL BAMBINO CON DEFICIT COGNITIVO. Medico e Bambino pagine elettroniche 2017; 20(4) https://www.medicoebambino.com/?id=PSR1704_20.html




La riproduzione senza autorizzazione è vietata. Le informazioni di tipo sanitario contenute in questo sito Web sono rivolte a personale medico specializzato e non possono in alcun modo intendersi come riferite al singolo e sostitutive dell'atto medico. Per i casi personali si invita sempre a consultare il proprio medico curante. I contenuti di queste pagine sono soggetti a verifica continua; tuttavia sono sempre possibili errori e/o omissioni. Medico e Bambino non è responsabile degli effetti derivanti dall'uso di queste informazioni.

Unauthorised copies are strictly forbidden. The medical information contained in the present web site is only addressed to specialized medical staff and cannot substitute any medical action. For personal cases we invite to consult one's GP. The contents of the pages are subject to continuous verifications; anyhow mistakes and/or omissions are always possible. Medico e Bambino is not liable for the effects deriving from an improper use of the information.