MeB Pagine Elettroniche
a cura della redazione di MeB Pagine Elettroniche
Volume XX
Marzo 2017
numero 3
I POSTER DEGLI SPECIALIZZANDI


Una dispnea con troppi eosinofili
Marta Massaro, Cristina Bibalo
Università di Trieste
Indirizzo per corrispondenza: massaro.marta@gmail.com


Nicola è un bellissimo bambino “con i capelli sparati” che vediamo per la prima volta all’età di 5 mesi per episodi di tachidispnea, prevalentemente espiratoria con sporadica componente inspiratoria, presenti dai 3 mesi. Ha inoltre una scarsa crescita e delle lesioni papulari diffuse. Agli esami ematici emerge solo un’ipereosinofilia (E 2000-5000/mm3). I sintomi respiratori rispondono bene alla terapia cortisonica per os, ma ricadono subito alla sospensione. Vista la componente inspiratoria della dispnea e la risposta transitoria allo steroide, abbiamo escluso un emangioma sottoglottico (RMN negativa). Abbiamo quindi escluso le cause note di ipereosinofilia, in particolare:
  • immunodeficienza congenita (normali sottopopolazioni linfocitarie, RTE, genetica per IPEX negativa, storia clinica non indicativa)
  • sindrome di Churgh-Strauss (VES e p-ANCA negativi)
  • malattia mielo/linfoproliferativa (LDH, sottopopolazioni normali, Rx del torace ed ecografia dell'addome negative per masse, aspirato midollare e immunofenotipo nella norma)
  • insufficienza surrenalica (ACTH, cortisolo ed elettroliti normali)
  • ipereosinofilia post-infettiva e parassitosi (sierologie negative)
  • allergia alle proteine del latte vaccino (RAST e prick negativi, non risposta alla dieta di eliminazione)
Data la presenza di ipereosinofilia marcata persistente con interessamento d’organo (cute, polmone, esofago, confermato anche dalla presenza di eosinofili al BAL e alla biopsia esofagea), ed escluse le cause secondarie, abbiamo posto diagnosi di sindrome ipereosinofilica idiopatica e avviato trattamento steroideo. A 10 mesi di vita i sintomi risultavano nettamente ridotti, ma si notava una riduzione della crescita ponderale, indicativa di malattia ancora attiva. Si associava quindi la ciclosporina, con cui è stato possibile un graduale svezzamento dallo steroide e un controllo di malattia. Il farmaco è stato sospeso all'età di 21 mesi, dopo 1 anno di terapia. A 10 mesi dalla sospensione, Nicola permane asintomatico, la conta degli eosinofili è normale e i suoi capelli “non sono più sparati”.

La sindrome ipereosinofilica (SI) è una condizione molto rara nel bambino. Viene definita dalla presenza di ipereosinofilia (> 1500/mm3) in più determinazioni o dall’interessamento d’organo, una volta escluse le cause secondarie. Talora è associata all’espansione di cloni aberranti mieloidi o linfoidi, ma quando questa non venga riscontrata si parla di SI idiopatica. La terapia si basa sull’utilizzo dello steroide, con lo scopo di ridurre la conta di eosinofili e quindi il danno d’organo mediato dagli stessi. Qualora non vi sia risposta, si può passare ad altri farmaci come idrossiurea, INFα, anticorpi monoclonali o ciclosporina. Va monitorato l’interessamento cardiaco, principale fattore di prognosi negativa.

Vuoi citare questo contributo?
M. Massaro, C. Bibalo. UNA DISPNEA CON TROPPI EOSINOFILI. Medico e Bambino pagine elettroniche 2017; 20(3) https://www.medicoebambino.com/?id=PSR1703_10.html




La riproduzione senza autorizzazione è vietata. Le informazioni di tipo sanitario contenute in questo sito Web sono rivolte a personale medico specializzato e non possono in alcun modo intendersi come riferite al singolo e sostitutive dell'atto medico. Per i casi personali si invita sempre a consultare il proprio medico curante. I contenuti di queste pagine sono soggetti a verifica continua; tuttavia sono sempre possibili errori e/o omissioni. Medico e Bambino non è responsabile degli effetti derivanti dall'uso di queste informazioni.

Unauthorised copies are strictly forbidden. The medical information contained in the present web site is only addressed to specialized medical staff and cannot substitute any medical action. For personal cases we invite to consult one's GP. The contents of the pages are subject to continuous verifications; anyhow mistakes and/or omissions are always possible. Medico e Bambino is not liable for the effects deriving from an improper use of the information.