campagna abbonamenti
MeB Pagine Elettroniche
a cura della redazione di MeB Pagine Elettroniche
Volume XIX
Dicembre 2016
numero 10
I POSTER DEGLI SPECIALIZZANDI


Atassia acuta… ingestione non voluta!
Cecilia Maria Pini, Iacopo Vellere, Giovanni Federico
Pediatria Universitaria I, Dipartimento di Medicina Clinica e Sperimentale dell’Università di Pisa, Azienda Ospedaliera-Universitaria Pisa; Scuola di Specializzazione in Pediatria dell’Università di Pisa
Indirizzo per corrispondenza: cecilia.m.pini@gmail.com


Leonardo, un bambino di 3 anni, ha presentato in modo acuto allucinazioni, atassia, disartria, per cui è stato ricoverato in Pediatria dove ha effettuato esami ematici, ECG e consulenza oculistica, tutti risultati nella norma. Nell’arco di poche ore la sintomatologia neurologica si è spontaneamente risolta.
Approfondendo l’anamnesi con i genitori è emerso che la nonna, presso cui il bambino aveva trascorso la mattina precedente l’insorgenza dei sintomi, faceva uso di lorazepam. A questo punto è stato effettuato un esame tossicologico delle urine che risulta debolmente positivo per benzodiazepine.

Intossicazioni e avvelenamenti hanno un picco di incidenza nella popolazione pediatrica tra gli 1,5 e i 3 anni. I farmaci ne sono la causa nel 50% dei casi. La presenza di sintomi insorti acutamente dovrebbero sempre indurre a considerare, tra le diagnosi differenziali, un’intossicazione. Nei bambini al di sotto dei 5 anni l’ingestione di farmaci è tipicamente accidentale e attribuibile a un singolo farmaco. Nel caso di intossicazione da benzodiazepine, i sintomi insorgono entro 4 ore e si risolvono nella maggior parte dei casi in 24 ore. L’atassia è il sintomo più frequente, da sola o in associazione con bradicardia, ipotensione, depressione respiratoria, sopore fino al coma. La positività dello screening tossicologico su urine si aggira intorno al 50% dei casi. In caso di anamnesi positiva per ingestione di benzodiazepine, ma in assenza di sintomi, il bambino dovrebbe essere osservato per 4 ore; in presenza di sintomi, è necessario disporne il ricovero. Il trattamento è principalmente di supporto. La somministrazione di carbone attivo e flumazenil è riservata ad alcuni pazienti selezionati.

Vuoi citare questo contributo?
C.M. Pini, I. Vellere, G. Federico. ATASSIA ACUTA… INGESTIONE NON VOLUTA!. Medico e Bambino pagine elettroniche 2016; 19(10) https://www.medicoebambino.com/?id=PSR1610_40.html




La riproduzione senza autorizzazione č vietata. Le informazioni di tipo sanitario contenute in questo sito Web sono rivolte a personale medico specializzato e non possono in alcun modo intendersi come riferite al singolo e sostitutive dell'atto medico. Per i casi personali si invita sempre a consultare il proprio medico curante. I contenuti di queste pagine sono soggetti a verifica continua; tuttavia sono sempre possibili errori e/o omissioni. Medico e Bambino non č responsabile degli effetti derivanti dall'uso di queste informazioni.

Unauthorised copies are strictly forbidden. The medical information contained in the present web site is only addressed to specialized medical staff and cannot substitute any medical action. For personal cases we invite to consult one's GP. The contents of the pages are subject to continuous verifications; anyhow mistakes and/or omissions are always possible. Medico e Bambino is not liable for the effects deriving from an improper use of the information.