MeB Pagine Elettroniche
a cura della redazione di MeB Pagine Elettroniche
Volume XV
Ottobre 2012
numero 8
I POSTER DEGLI SPECIALIZZANDI


Il grown up dei bambini operati per cardiopatia congenita
S. Orlandini, A. Benettoni
Clinica Pediatrica, IRCCS Pediatrico “Burlo Garofolo”, Università di Trieste
indirizzo per corrispondenza: si.orlandini@gmail.com

Background: Una cardiopatia congenita è un’anomalia cardiaca presente sin dalla nascita, che può essere parte di un quadro sindromico.
Materiali e Metodi: sono stati arruolati tutti i pazienti operati per tetralogia di Fallot (ToF), trasposizione delle grandi arterie (TGA), difetti del canale atrioventricolare (CAV) e coartazione aortica, che abbiano eseguito un controllo cardiologico completo negli ultimi 3 anni di follow-up. Abbiamo indagato la loro storia clinica ricercando la presenza di cofattori di rischio neonatali e chirurgici, in particolare prematurità, basso peso alla nascita e presenza di sindromi genetiche associate alla cardiopatia.
Risultati: la nostra popolazione comprendeva 97 pz cardiopatici congeniti operati: 38 ToF, 15 TGA, 20 CAV e 24 CoAo. Il 42% erano nati pretermine e/o di basso peso alla nascita, in particolare i pazienti operati per ToF e CAV, e nel 48% dei casi si trattava di bambini sindromici. Il 60% di questi pazienti ha avuto un decorso operatorio complicato, indipendentemente dalla precocità della diagnosi e dell’intervento. Nel 23% della nostra casistica, la cardiopatia coesiste con una sindrome genetica: le anomalie cromosomiche maggiormente riscontrate sono la s. di Down (14 su 22 pazienti, quasi tutti CAV) e la s. di DiGeorge o CATCH22 (2 ToF), con una piccola quota di altre forme sindromiche meno frequenti (Noonan, Williams, VACTERL, CHARGE e altre non ben definite).
Conclusioni: Alcune forme di cardiopatie congenite influiscono sicuramente sulle prime fasi di vita del bambino, infatti quasi la metà dei nostri pazienti erano nati prematuri e/o di basso peso. Prematurità, basso peso e presenza di sindromi genetiche complicano spesso l’outcome neonatale e chirurgico dei bambini cardiopatici congeniti. Infine, di fronte ad un bambino sindromico bisogna pensare alla possibile presenza di una cardiopatia congenita.



tratto da: Confronti Giovani, XXIV Congresso Nazionale Confronti in Pediatria
Trieste, Palazzo dei Congressi della Stazione Marittima 2-3 dicembre 2011


Vuoi citare questo contributo?
S. Orlandini, A. Benettoni. IL GROWN UP DEI BAMBINI OPERATI PER CARDIOPATIA CONGENITA. Medico e Bambino pagine elettroniche 2012; 15(8) https://www.medicoebambino.com/?id=PSR1208_30.html




La riproduzione senza autorizzazione è vietata. Le informazioni di tipo sanitario contenute in questo sito Web sono rivolte a personale medico specializzato e non possono in alcun modo intendersi come riferite al singolo e sostitutive dell'atto medico. Per i casi personali si invita sempre a consultare il proprio medico curante. I contenuti di queste pagine sono soggetti a verifica continua; tuttavia sono sempre possibili errori e/o omissioni. Medico e Bambino non è responsabile degli effetti derivanti dall'uso di queste informazioni.

Unauthorised copies are strictly forbidden. The medical information contained in the present web site is only addressed to specialized medical staff and cannot substitute any medical action. For personal cases we invite to consult one's GP. The contents of the pages are subject to continuous verifications; anyhow mistakes and/or omissions are always possible. Medico e Bambino is not liable for the effects deriving from an improper use of the information.