Rivista di formazione e aggiornamento di pediatri e medici operanti sul territorio e in ospedale. Fondata nel 1982, in collaborazione con l'Associazione Culturale Pediatri.

M&B Pagine Elettroniche

Il punto su

I morsi di vipera

Francesca Romano1, Lorenza Rossi1, Irene Raffaldi2, Claudia Bondone2, Davide Garelli2, Virna Carmellino3, Azzurra Schicchi4, Davide Lonati4, Carlo Alessandro Locatelli4, Antonio Francesco Urbino2

1Scuola di Specializzazione in Pediatria, Università di Torino
2SC di Pediatria d’Urgenza, 3Pronto Soccorso, Ospedale Infantile “Regina Margherita”, Torino
4Istituti Clinici Scientifici Maugeri IRCCS, Università di Pavia, Centro Antiveleni di Pavia

Indirizzo per corrispondenza: francesca_romano@hotmail.com

Viper bites

Key words: Vipera, Bite, Venom, Antivenom serum

Viper bites are rare but represent a medical emergency that should not be underestimated both in the paediatric and adult population.
The clinical presentation can vary from mild symptoms limited to the venom inoculation site to serious cases with extensive tissue involvement and with systemic neurological, haematologic, renal and cardiovascular symptoms. Immediate hospitalization with clinical monitoring is required to promptly undertake the therapy with antivenom serum, when needed, in order to avoid complications related to the venom’s toxicity.
In the literature there are no recent and standardised guidelines on viper bite management and treatment.
The paper presents a case-series of four children brought to the Emergency Department for viper bite. The peculiarity of the reported cases is that they were all observed in the first 20 days of May 2020, immediately after the end of the lockdown for Covid-19 pandemic. This could be explained by the effect of prolonged lockdown on animal and viper re-expansion in areas with usually larger human presence.
The aim of this article is to present the latest literature updates and provide clear and simple indications for the diagnosis, monitoring and therapy of paediatric viper bite to improve its management and prognosis.

I morsi di vipera sono rari ma rappresentano un’urgenza medica da non sottovalutare sia nella popolazione pediatrica sia negli adulti.
Il quadro clinico può variare da una lieve sintomatologia localizzata nella sede di inoculo del veleno fino a quadri gravi con esteso coinvolgimento dei tessuti e con sintomi sistemici di tipo neurologico, ematologico, renale e cardiovascolare.
L’immediata ospedalizzazione per il monitoraggio clinico e per intraprendere prontamente l’eventuale terapia con il siero antiofidico è necessaria, per evitare le possibili complicanze legate alla tossicità del veleno.
In letteratura non sono presenti recenti e univoche linee guida sulla gestione e sulla terapia da mettere in atto in caso di morso di vipera.
Vi presentiamo una case series con la descrizione di quattro casi di bambini giunti presso il nostro Pronto Soccorso per morso di vipera. Peculiarità dei quattro casi è che essi sono stati osservati nell’arco di circa venti giorni nel mese di maggio 2020, nelle settimane immediatamente successive alla riapertura dopo il lockdown per la pandemia di Covid-19. È possibile che il prolungato periodo di chiusura abbia favorito un aumento della presenza di vipere anche in zone tipicamente più antropizzate nel nostro territorio.
Il nostro obiettivo è quello di presentare gli ultimi aggiornamenti della letteratura e fornire chiare e semplici indicazioni per la diagnosi, il monitoraggio e la terapia del morso di vipera in età pediatrica, al fine di migliorarne la gestione e la prognosi.

Vuoi citare questo contributo?

Romano F, Rossi L, Raffaldi I, Bondone C, Garelli D, Carmellino V, Schicchi A, Lonati D, Locatelli CA, Urbino AF. I morsi di vipera. Medico e Bambino 2021;24(8):e246-e253 DOI: https://doi.org/10.53126/MEBXXIV246

L'accesso è riservato agli abbonati alla rivista che si siano registrati.
Per accedere all'articolo in formato full text è necessario inserire username e password.
Puoi accedere all'articolo abbonandoti alla rivista (link). Per acquistare l'articolo contattare la redazione all'indirizzo redazione@medicoebambino.com.

Username
Password