Settembre 2011 - Volume XXX - numero 7

Medico e Bambino


Pagine elettroniche

Edema emorragico acuto infantile: vaccinazione anti-morbillo, parotite e rosolia come possibile causa scatenante

Cesare Ghitti1, Haidi Sangalli2, Lorena Pozzi1, Valeria D’Apolito1, Eugenio Rossi2, Luigi Gnecchi3, Roberto Lucchini4

1Clinica Pediatrica, Università Milano-Bicocca, Azienda Ospedaliera San Gerardo, Monza
2Divisione di Pediatria, Ospedale “Valduce”, Como
3Divisione di Dermatologia, Azienda Ospedaliera San Gerardo, Monza
4Dipartimento di Medicina Preventiva, ASL Provincia Milano 2, Melegnano (Milano)

Indirizzo per corrispondenza: cghitti@alice.it

Acute haemorrhagic oedema of infancy: the measles, mumps and rubella vaccination as a possible cause

Key words: Acute haemorrhagic oedema of infancy, Measles, mumps and rubella vaccination, Leukocytoclastic vasculitis

The Authors report a case of acute haemorrhagic oedema of infancy (AHEI) in a 15-month-old male child, which occurred 9 days after measles, mumps and rubella vaccination and improved in one month without therapy, reaching a complete clinical resolution. No recurrence of the disease was observed during the following 24 months.

Vuoi citare questo contributo?

C. Ghitti, H. Sangalli, L. Pozzi, V. D’Apolito, E. Rossi, L. Gnecchi, R. Lucchini Edema emorragico acuto infantile: vaccinazione anti-morbillo, parotite e rosolia come possibile causa scatenante. Medico e Bambino 2011;30(7):465 https://www.medicoebambino.com/?id=1107_465.pdf


L'accesso è riservato agli abbonati alla rivista che si siano registrati.
Per accedere all'articolo in formato full text è necessario inserire nella casella di login username e password.


Post hoc, propter hoc?
Bell'inquadramento del caso, ma a parte lo stretto rapporto temporale, non vedo nessun altro accertamento che metta in rapporto la vaccinazione con la patologia in questione.
Wakefield (senza volere accostare gli Autori al medico inglese) per poter dimostrare l'associazione del vaccino MMR all'autismo, con prove false, dimostrò la persistenza del virus a livello intestinale.
Qui non mi pare ci sia nessun riscontro e l'unico rapporto tra patologia e vaccino è il rapporto temporale, un po' poco fin dai tempi dei Romani.


SEMPRINI GIOVANNI
APEL Liguria
martedì, 13 Settembre 2011, ore 09:31

L'immissione di nuovi contenuti è riservata ai soli utenti registrati